Relazione speciale
n.06 2018

Libera circolazione dei lavoratori: la libertà fondamentale è garantita, ma un’assegnazione più mirata dei fondi UE faciliterebbe la mobilità dei lavoratori

Riguardo alla relazione Nel 2018 si celebra il 50° anniversario del regolamento che ha istituito la libera circolazione dei lavoratori, una delle quattro libertà fondamentali dell’Unione.
A giudizio della Corte, i numerosi strumenti posti in essere dalla Commissione garantiscono la libertà di circolazione dei lavoratori ma meritano di essere conosciuti meglio. L’analogia degli obiettivi dei due fondi UE a sostegno della mobilità dei lavoratori (FSE ed EaSI) li rende difficilmente complementari e le debolezze del sistema di monitoraggio ostacolano la valutazione delle azioni finanziate. Infine, il portale EURES sulle offerte di lavoro nell’UE riuscirà a diventare un autentico strumento di collocamento europeo solo qualora vengano risolte carenze come la bassa percentuale di offerte di lavoro pubblicate sul portale stesso.

Questa pubblicazione è disponibile in 23 lingue e nel formato seguente:
PDF
PDF General Report

Sintesi

La mobilità dei lavoratori

I

La libera circolazione dei lavoratori è una delle quattro libertà fondamentali dell’Unione. Nel 2018 l’UE celebrerà il 50° anniversario del regolamento che l’ha istituita. La libera circolazione dei lavoratori implica l’abolizione, in tutti gli Stati membri, di qualsiasi discriminazione fondata sulla nazionalità per quanto riguarda l’impiego, la retribuzione e le altre condizioni di lavoro. Nel 2015, 11,3 milioni di lavoratori mobili in età lavorativa dell’UE-28 vivevano in uno Stato membro dell’UE diverso dal paese di cui avevano la cittadinanza. Ciò corrisponde al 3,7 % della popolazione in età lavorativa totale di tutta l’UE.

Come si è svolto l’audit della Corte

II

La Corte ha valutato in che modo la Commissione garantisca la libertà di circolazione dei lavoratori, nonché l’efficacia delle azioni adottate dall’UE per facilitare la mobilità dei lavoratori. La Corte ha espletato un audit, da ottobre 2016 a luglio 2017, presso la Commissione e nei cinque Stati membri che registrano i flussi più cospicui di lavoratori stranieri in entrata e di lavoratori che si trasferiscono in altri paesi (Germania, Lussemburgo, Polonia, Romania e Regno Unito).

Cosa è stato riscontrato

III

La Corte ha rilevato che la Commissione informa i lavoratori dell’UE in merito ai propri diritti attraverso svariati canali, ma che esistono comunque opportunità per migliorare la conoscenza di tali diritti.

IV

Si lamentano ancora ostacoli persistenti che rendono difficile trasferirsi e lavorare in un altro paese (per esempio il riconoscimento dei diplomi professionali). Tali problemi permangono, benché la Commissione e gli Stati membri abbiano intrapreso numerose azioni per risolverli.

V

Per quanto riguarda i dati relativi agli squilibri esistenti, in materia di competenze e forza lavoro, a livello regionale e nazionale, la situazione degli Stati membri è assai differenziata. La Commissione continua a collaborare con gli Stati membri per migliorare tali dati.

VI

L’UE sostiene la mobilità dei lavoratori tramite l’FSE per gli Stati membri che ritengono di averne bisogno. La mobilità dei lavoratori non è stata però individuata come priorità d’investimento distinta, e nel corso del processo di approvazione dell’attuale periodo di programmazione FSE tale attività non è stata monitorata. Non si sa quindi in che misura l’FSE sia stato utilizzato a tal fine.

VII

La principale fonte di finanziamenti noti a favore della mobilità dei lavoratori è il programma per l’occupazione e l’innovazione sociale (EaSI) della Commissione, che dispone di 165 milioni di euro per il periodo 2014-2020. La Corte ha rilevato che gli obiettivi strategici dell’asse EURES del programma EaSI sono, in materia di mobilità dei lavoratori, simili a quelli dell’FSE; di conseguenza, la richiesta complementarità tra i due fondi UE è difficile da conseguire.

VIII

Sono stati esaminati 23 progetti EURES gestiti dai partenariati transfrontalieri (CBP) con il sostegno dell’EaSI. La Corte ha constatato che pochi progetti prevedevano risultati definiti (per esempio il numero di persone in cerca di lavoro che hanno trovato impiego) e che le carenze nel monitoraggio dei progetti rendevano impossibile aggregare realizzazioni e risultati a livello di programma.

IX

Il portale EURES della mobilità professionale è il principale strumento per favorire la mobilità dei lavoratori a livello UE; è però confrontato a importanti ostacoli, non da ultimo perché una parte significativa delle offerte di lavoro pubblicate a livello nazionale dai servizi pubblici per l’impiego (SPI) non figura in EURES. La Corte ha inoltre analizzato le offerte di lavoro pubblicate nel portale, giudicandole spesso inadeguate per una proficua ricerca di lavoro: ad esempio, 39 delle 50 offerte di lavoro esaminate non contemplavano una scadenza per la presentazione della domanda.

X

La misurazione dei collocamenti realizzati tramite EaSI-EURES è un parametro fondamentale dell’efficacia del programma. Secondo la Commissione, 28 934 collocamenti ottenuti nel 2016 sono frutto del sostegno offerto dai consulenti di EURES alle persone in cerca di lavoro. Questo dato rappresenta appena il 3,7 % dei contatti delle persone in cerca di lavoro con i consulenti di EURES. Inoltre, la maggior parte degli SPI presso i quali si è svolta l’indagine della Corte ha dichiarato di non riuscire a misurare i collocamenti effettivi oppure di aver smesso di utilizzare questo dato come indicatore.

Raccomandazioni della Corte

XI

La Corte raccomanda alla Commissione di:

  1. misurare la conoscenza, da parte dei cittadini dell’UE, degli strumenti esistenti volti a fornire informazioni sulla libertà di circolazione dei lavoratori e a segnalare le discriminazioni;
  2. sfruttare meglio le informazioni disponibili per individuare i tipi di discriminazione;
  3. lavorare assieme agli Stati membri per migliorare la raccolta e l’utilizzo dei dati sui modelli e i flussi della mobilità dei lavoratori e sugli squilibri del mercato del lavoro;
  4. migliorare la concezione dei finanziamenti UE a favore della mobilità dei lavoratori;
XII

La Corte raccomanda agli Stati membri di:

e)migliorare il monitoraggio dell’efficacia di EaSI-EURES, soprattutto per quanto riguarda i collocamenti;

f)porre rimedio ai limiti del portale EURES della mobilità professionale, in modo da renderlo un vero e proprio strumento europeo di collocamento.

Introduzione

La libera circolazione dei lavoratori: una libertà fondamentale

01

La libera circolazione dei lavoratori è una delle quattro libertà fondamentali dell’Unione1. Nel 2018 l’UE celebrerà il 50° anniversario del regolamento che l’ha istituita. Si tratta di un importante diritto individuale di ogni lavoratore e di un essenziale elemento costitutivo del mercato unico. Ai sensi di tale libertà, i lavoratori dell’UE provenienti dagli altri Stati membri godono di parità di trattamento rispetto ai cittadini del paese, per quanto riguarda l’accesso all’occupazione, le condizioni di lavoro e tutti gli altri vantaggi sociali e fiscali. In altre parole, ogni autorità nazionale e ogni datore di lavoro, pubblico o privato, deve applicare e rispettare i diritti derivanti dall’articolo 45 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (cfr. riquadro 1). Questa libertà è garantita anche nei paesi dell’EFTA (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera). È importante ricordare che la libertà di circolazione dei lavoratori è cosa distinta dalla libertà di tutti i cittadini dell’UE di circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri.

Riquadro 1

Libertà di circolazione dei lavoratori – Articolo 45 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE)

  1. La libera circolazione dei lavoratori all’interno dell’Unione è assicurata.
  2. Essa implica l’abolizione di qualsiasi discriminazione, fondata sulla nazionalità, tra i lavoratori degli Stati membri, per quanto riguarda l’impiego, la retribuzione e le altre condizioni di lavoro.
  3. Fatte salve le limitazioni giustificate da motivi di ordine pubblico, pubblica sicurezza e sanità pubblica, essa implica il diritto:
    1. di rispondere a offerte di lavoro effettive;
    2. di spostarsi liberamente a tal fine nel territorio degli Stati membri;
    3. di prendere dimora in uno degli Stati membri al fine di svolgervi un’attività di lavoro, conformemente alle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative che disciplinano l’occupazione dei lavoratori nazionali;
    4. di rimanere, a condizioni che costituiranno l’oggetto di regolamenti stabiliti dalla Commissione, sul territorio di uno Stato membro, dopo aver occupato un impiego.
  4. Le disposizioni del presente articolo non sono applicabili agli impieghi nella pubblica amministrazione.
02

Secondo i più recenti dati disponibili, nell’UE, su una popolazione totale in età lavorativa di 306 milioni di persone, circa 11 milioni (ossia il 3,7 %) sono lavoratori mobili dell’EU-28 (di età compresa fra 20 e 64 anni) trasferitisi per un lungo periodo in uno Stato membro diverso da quello di cui hanno la cittadinanza. Per quanto riguarda i flussi annuali di lavoratori mobili in età lavorativa, nel 2014 si sono spostate 1,1 milioni di persone (inclusi circa 100 000 cittadini di paesi EFTA trasferitisi nell’UE), pari allo 0,4 % della popolazione totale in età lavorativa. Altri 1,3 milioni di persone attraversano ogni giorno una frontiera per lavorare in uno Stato membro diverso da quello in cui risiedono (cfr. tabella 1).

Tabella 1

Dati sui lavoratori mobili che si sono trasferiti in un altro Stato membro (2015)

Entità Tipo di mobilità
11,3 milioni Lavoratori mobili “di lungo periodo” dell’UE-28 in età lavorativa (20-64 anni) residenti nell’UE-28
3,7 % … come percentuale della popolazione totale in età lavorativa dell’UE-28
8,5 milioni Lavoratori mobili attivi dell’UE-28 (occupati o in cerca di lavoro)
1,3 milioni Lavoratori frontalieri dell’UE-28 (20-64 anni) nel 2015
1,1 milioni Flusso annuale di lavoratori mobili in età lavorativa dell’UE-28 e dei paesi EFTA che si sono trasferiti nel 2014
0,4 % … come percentuale della popolazione totale in età lavorativa residente nell’UE-28 e nei paesi EFTA
0,6 milioni Lavoratori mobili rientrati nel 2014 nel paese di cui hanno la cittadinanza

Nota: il flusso annuale dei lavoratori mobili non comprende la mobilità di ritorno.

Fonte: Annual Report on intra-EU Labour Mobility Final Report (Relazione annuale – Relazione finale sulla mobilità dei lavoratori all’interno dell’UE), Commissione europea, dicembre 2016.

03

I principali paesi di destinazione degli 11,3 milioni di lavoratori mobili sono la Germania, che ha accolto il maggior numero di lavoratori mobili in età lavorativa (2,7 milioni, ossia il 22 % di tutti i lavoratori mobili), e il Regno Unito, che la segue da vicino con 2,1 milioni. I paesi con la percentuale più elevata di lavoratori mobili nella propria popolazione in età lavorativa sono il Lussemburgo (43 %), la Svizzera (19 %), Cipro (15 %) e l’Irlanda (10 %).

04

Si definiscono lavoratori mobili recenti e attivi quei lavoratori che vivono in un paese UE differente dal paese di cui hanno la cittadinanza da non più di dieci anni. I dati relativi a questi lavoratori appaiono nella figura 1.

Figura 1

Lavoratori mobili recenti e attivi dell’EU-28 in età lavorativa (20-64 anni), per paese di residenza; dati relativi al 2015 (in migliaia)

Nota: I numeri di lavoratori mobili recenti inferiori a 50 000 non sono indicati.

Fonte: Annual Report on intra-EU Labour Mobility Final Report (Relazione annuale – Relazione finale sulla mobilità dei lavoratori all’interno dell’UE), Commissione europea, dicembre 2016.

Responsabilità relative alla mobilità dei lavoratori

05

Per valutare i differenti livelli di responsabilità connessi alla garanzia della libera circolazione dei lavoratori, occorre tener presente che tale libertà è direttamente applicabile negli Stati membri, e quindi per qualsiasi discriminazione si può adire un tribunale nazionale. La Commissione può anche intraprendere azioni dirette, che potrebbero condurre a procedure d’infrazione contro uno Stato membro dinanzi alla Corte di giustizia dell’Unione europea. La responsabilità per l’occupazione e le politiche sociali spetta però principalmente agli Stati membri. Tali responsabilità condivise sono illustrate nella figura 2.

Figura 2

Responsabilità relative alla mobilità dei lavoratori

Fonte: Corte dei conti europea.

La Commissione europea e la mobilità dei lavoratori

06

Trasferirsi da un paese all’altro per motivi di lavoro è una decisione essenzialmente individuale. È però possibile facilitare la mobilità dei lavoratori, e i finanziamenti UE possono proficuamente sostenere le azioni intraprese in questo campo. Nel 2010, con “EUROPA 2020 - Una Strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”2, la Commissione ha collocato la facilitazione della mobilità dei lavoratori nel contesto di una migliore corrispondenza tra offerta e domanda di lavoro, con il sostegno dei fondi strutturali dell’Unione, in particolare dell’FSE. EUROPA 2020 promuove “una politica di migrazione dei lavoratori che sia globale e lungimirante, in modo da rispondere con la necessaria flessibilità alle priorità e alle esigenze dei mercati occupazionali”. Negli ultimi anni, la Commissione ha pubblicato numerosi documenti strategici, proposte legislative e orientamenti sulla mobilità dei lavoratori, che ne sottolineano l’importanza in quanto politica dell’UE (cfr. figura 3).

Figura 3

Calendario delle azioni intraprese dalla Commissione in materia di mobilità dei lavoratori

Fonte: Corte dei conti europea.

Azioni finanziate dall’UE per facilitare la mobilità dei lavoratori

07

Il Fondo sociale europeo è gestito dalla Commissione e dagli Stati membri. Tra i suoi obiettivi vi è quello di promuovere all’interno dell’Unione europea la mobilità geografica e professionale dei lavoratori3. Il suo bilancio totale per il periodo di programmazione 2014 - 2020 è di 86,4 miliardi di euro. Di questi, circa 27,5 miliardi di euro sono stati destinati a un obiettivo tematico specifico: “Promuovere un’occupazione sostenibile e di qualità e sostenere la mobilità dei lavoratori”4, a titolo del quale gli Stati membri possono finanziare azioni in materia di mobilità dei lavoratori. Non si conoscono gli importi utilizzati a questo scopo dagli Stati membri.

08

Il programma per l’occupazione e l’innovazione sociale (EaSI) gestito dalla Commissione si articola su tre assi; tra questi, l’asse EURES (rete europea di servizi per l’impiego) mira a facilitare la mobilità dei lavoratori. Il finanziamento di EaSI per il periodo 2014-2020 ammonta a 919 milioni di euro. Il finanziamento per le attività dedicate di EaSI-EURES ammonta a 165 milioni di euro, ossia il 18 % dei finanziamenti totali. EaSI-EURES sostiene attività destinate a promuovere la mobilità geografica volontaria dei lavoratori. Una panoramica di tali attività è presentata nella figura 4.

Figura 4

Le differenti attività dell’asse EaSI-EURES

Fonte: Corte dei conti europea.

Estensione e approccio dell’audit

09

La Corte ha valutato in che modo la Commissione garantisca la libertà di circolazione dei lavoratori, nonché l’efficacia delle azioni adottate dall’UE per facilitare la mobilità dei lavoratori.

10

In particolare sono stati esaminati:

  • gli strumenti informatici messi a punto dalla Commissione per sostenere i lavoratori interessati a trasferirsi, o che si sono già trasferiti in un altro Stato membro, nonché le azioni adottate dalla Commissione per affrontare gli ostacoli che attualmente si frappongono alla mobilità dei lavoratori; rientrano in questo quadro i dati raccolti dalla Commissione su flussi e modelli di mobilità dei lavoratori (Parte I);
  • l’efficacia dei finanziamenti UE a sostegno della mobilità dei lavoratori, erogati tramite l’FSE e il programma EaSI nel periodo di programmazione 2014-2020 (Parte II).
11

L’audit è stato espletato tra l’ottobre del 2016 e il luglio del 2017, con le seguenti modalità:

  • sono state analizzate le azioni intraprese dalla Commissione in materia di mobilità dei lavoratori;
  • sono state effettuate visite presso le autorità nazionali competenti in Germania, Lussemburgo, Polonia, Romania e Regno Unito, con le quali si sono tenuti colloqui;
  • sono stati analizzati 23 progetti, già completati, dei partenariati transfrontalieri (CBP) EaSI-EURES finanziati nel 2015 e nel 2016 e si sono tenuti colloqui con i responsabili dei progetti in Germania, Lussemburgo, Polonia e Regno Unito;
  • è stata effettuata un’indagine presso i 28 uffici di coordinamento nazionali (UCN) della rete EURES e l’UCN della Svizzera per esaminare il funzionamento di EURES nonché l’analisi della qualità di 50 offerte di lavoro pubblicate sul portale EURES della mobilità professionale;
  • l’équipe di audit della Corte è stata inoltre coadiuvata da un gruppo di esperti formato da tre specialisti in materia di mobilità dei lavoratori5.
12

Il presente audit non ha valutato l’impatto della “Brexit” sulla libertà di circolazione, tema che rappresenta un elemento essenziale dei negoziati in corso tra l’UE e il Regno Unito. Analogamente, il presente audit non ha esaminato l’impatto del referendum svoltosi in Svizzera nel 2014 in materia di immigrazione, il cui esito inciderà sulla libera circolazione dei lavoratori dell’UE in Svizzera, una volta recepito nella legislazione svizzera.

Osservazioni

Parte I – La Commissione ha introdotto strumenti per garantire la libertà di circolazione dei lavoratori, ma dispone di informazioni incomplete sul modo in cui la mobilità dei lavoratori funziona in pratica

13

La Parte I esamina gli strumenti introdotti dalla Commissione europea a sostegno dei lavoratori interessati a trasferirsi (o che si sono già trasferiti) in un altro Stato membro. Analizza inoltre gli ostacoli che attualmente si frappongono alla mobilità dei lavoratori e le azioni intraprese dalla Commissione per superarli. Infine, la Parte I valuta i dati raccolti dalla Commissione per monitorare i flussi e i modelli della mobilità dei lavoratori, nonché gli squilibri del mercato del lavoro.

La Commissione ha elaborato strumenti per informare i cittadini in merito ai loro diritti, ma non sa quanto sia attualmente diffusa la conoscenza di tali strumenti

14

È importante che le informazioni su condizioni e diritti siano disponibili per coloro che già lavorano, o cercano lavoro, in un altro paese. È inoltre necessario che coloro cui tali informazioni potrebbero risultare utili ne conoscano l’esistenza e le abbiano a disposizione.

15

La Commissione informa i cittadini sulle opportunità e i diritti relativi alla mobilità dei lavoratori per mezzo di due siti web dedicati: LA TUA EUROPA ed EURES (cfr. riquadro 2).

Riquadro 2

Informazioni su diritti e opportunità connessi al lavoro in un altro Stato membro

  • LA TUA EUROPA6 fornisce informazioni generali sul lavoro in un altro Stato membro, come per esempio i diritti fondamentali dei lavoratori e le questioni di sicurezza sociale; LA TUA EUROPA – CONSULENZA offre anche la consulenza di esperti legali che collaborano a contratto con la Commissione; LA TUA EUROPA fornisce inoltre link agli enti, alle norme e ai servizi di assistenza nazionali competenti.
  • Il portale EURES7 permette di accedere alle offerte di lavoro pubblicate dai servizi pubblici per l’impiego (SPI) nazionali tramite il portale EURES della mobilità professionale e fornisce informazioni più dettagliate sulla legislazione e i mercati del lavoro nazionali. Offre anche la possibilità di contattare consulenti specializzati EURES, che possono guidare attivamente la persona in cerca di lavoro tra le varie opportunità occupazionali disponibili.
16

Inoltre gli Stati membri hanno istituito le proprie fonti d’informazione per i cittadini UE che lavorano nel loro territorio, o per i propri cittadini che intendono lavorare in un altro Stato membro. Tali sistemi possono fruire del sostegno di autorità pubbliche, sindacati o altri enti (cfr. riquadro 3).

Riquadro 3

Esempi di Stati membri che offrono informazioni ai lavoratori in merito ai diritti di cui possono godere in un altro paese

Le autorità polacche hanno tradotto i diritti giuridici concernenti la libera circolazione dei lavoratori e la mobilità nella propria guida destinata ai lavoratori dell’UE che giungono in Polonia e ai cittadini polacchi che si trasferiscono all’estero. Tali informazioni sono contenute in opuscoli disponibili in polacco, inglese, tedesco e francese. Gli opuscoli sono reperibili presso le ambasciate e i consolati polacchi negli altri Stati membri, i centri per l’impiego in Polonia e il sito web del ministero per la Famiglia, il lavoro e la politica sociale.

Le autorità rumene descrivono sui propri siti web i diritti giuridici derivanti dalla libera circolazione dei lavoratori. Anche i consolati rumeni negli altri Stati membri offrono informazioni sulle condizioni di lavoro nei rispettivi paesi e forniscono ai cittadini rumeni volantini e opuscoli in materia.

17

La Commissione misura la soddisfazione degli utenti per LA TUA EUROPA ed EURES. Nel 2016, il 64 % di chi ha visitato LA TUA EUROPA ha giudicato il sito uno strumento buono o eccellente, il 25 % lo ha giudicato soddisfacente e il 5 % scadente o molto scadente. Fra gli utenti del portale EURES, il 40 % ritiene che EURES sia facile da trovare e afferma di voler utilizzare ancora il servizio.

18

La Commissione misura la soddisfazione degli utenti ma non ha valutato la conoscenza dei due sistemi tra i cittadini dell’UE. Quest’esigenza di sensibilizzazione emerge dai risultati di una relazione della Commissione pubblicata nel 20178, che segnala come la maggior parte di coloro che già utilizzano EURES abbia scoperto il sito tramite ricerche sul web o per caso.

La Commissione ha istituito sistemi per segnalare le discriminazioni contro la libertà di circolazione ma l’entità di tali discriminazioni a livello di Unione europea rimane ignota

19

È necessario che i lavoratori conoscano i propri diritti e abbiano l’opportunità di segnalare le discriminazioni contro la libertà di circolazione dei lavoratori. Per combattere efficacemente le discriminazioni esistenti è indispensabile comprenderne entità e tipologia.

20

SOLVIT è il sistema instaurato dalla Commissione per consentire ai cittadini di denunciare norme o decisioni inique adottate dalle pubbliche amministrazioni nazionali. Nel 2016 SOLVIT ha trattato 2 414 casi, riguardanti tutti gli aspetti del mercato unico. Una categoria di denunce si riferisce alla libera circolazione dei lavoratori, ma anche altre categorie possono essere indirettamente collegate alla libera circolazione: tra queste il riconoscimento dei diplomi professionali, la sicurezza sociale e l’accesso all’istruzione per i familiari. Nel 2016, 34 casi hanno riguardato la libera circolazione dei lavoratori.

21

A partire dal 2010, la Commissione ha varato 33 procedimenti giudiziari contro vari Stati membri in materia di libertà di circolazione, e 21 relativi a questioni di sicurezza sociale, che incidono indirettamente su tali diritti.

22

Se comparato agli 11,3 milioni di lavoratori mobili in età lavorativa nell’UE, il numero di casi trattati da SOLVIT e di procedure d’infrazione è scarsissimo.

23

Oltre a SOLVIT, alcuni Stati membri hanno istituito propri sistemi distinti per consentire ai cittadini di segnalare e trattare i casi di discriminazione. In Lussemburgo, per esempio, i lavoratori stranieri possono contattare l’ispettorato nazionale del lavoro, il quale può dare seguito alla denuncia. In altri Stati membri, come la Germania, i lavoratori possono rivolgersi agli uffici di informazioni gestiti dai sindacati, che dispongono di mediatori specializzati che possono farsi carico della denuncia e deferirla alle autorità nazionali, oppure contattare direttamente i datori di lavoro per tentare la conciliazione.

24

Al di fuori del proprio sistema SOLVIT e della rete di esperti giuridici che opera tramite il portale LA TUA EUROPA – CONSULENZA, la Commissione ha solo una conoscenza limitata dei casi sollevati a livello nazionale, poiché questi non vengono segnalati di norma alla Commissione. Di conseguenza, la Commissione non conosce completamente le dimensioni delle discriminazioni contro la libertà di circolazione. Secondo una direttiva del 20149, gli Stati membri dovevano designare entro il 2016 organismi per la promozione, l’analisi, il controllo e il sostegno della parità di trattamento dei lavoratori dell’Unione e dei loro familiari. Gli organismi designati devono realizzare indagini e analisi riguardo a restrizioni e ostacoli ingiustificati al diritto di libera circolazione, o alla discriminazione in base alla nazionalità.

La Commissione è intervenuta per ovviare ad altre restrizioni alla mobilità dei lavoratori, ma alcuni ostacoli permangono

25

È possibile che i lavoratori si trovino ad affrontare ostacoli alla circolazione, i quali, pur non rappresentando una violazione dei loro diritti, possono tuttavia incidere sulla mobilità dei lavoratori (per esempio il riconoscimento delle qualifiche).

26

Secondo la Commissione, “tali difficoltà [incontrate dai cittadini dell’UE che vogliono trasferirsi o che si trasferiscono di fatto] servono in qualche misura a spiegare le ragioni per cui la mobilità geografica tra gli Stati membri dell’UE è rimasta ad un livello relativamente basso: secondo l’indagine UE sulle forze di lavoro, nel 2011 solo il 3,1 % dei cittadini europei in età lavorativa […] risiedeva in uno Stato membro dell’UE diverso dal proprio”10.

27

La tabella 2 illustra gli ostacoli solitamente individuati nei documenti della Commissione che si frappongono alla mobilità dei lavoratori, accanto all’azione adottata dalla Commissione e alla valutazione, da parte della Corte, dell’efficacia delle azioni intraprese. Dalla tabella emerge che la Commissione ha adottato azioni per affrontare gli ostacoli che si frappongono alla mobilità dei lavoratori. Tuttavia, dal punto di vista di un lavoratore europeo che abbia l’intenzione di recarsi a lavorare in un altro Stato membro, queste azioni non sono sempre efficaci. Superare questi ostacoli rimane una sfida costante per l’Unione europea. È opportuno considerare questi ostacoli persistenti alla luce del potenziale, ancora non sfruttato, in materia di mobilità dei lavoratori dell’Unione: nel 2014 i dati disponibili, tratti dalle indagini, indicavano che circa 2,9 milioni di cittadini dell’UE avrebbero desiderato trasferirsi nei 12 mesi seguenti, ma solo poco più di un milione di lavoratori lo ha fatto veramente.

Tabella 2

Ostacoli che si frappongono alla mobilità dei lavoratori, azione adottata dalla Commissione e valutazione della sua efficacia

Ostacoli Responsabilità La Commissione ha preso provvedimenti? Esempio delle azioni adottate L’ostacolo che si frappone alla mobilità dei lavoratori è stato affrontato in maniera efficace?
Mancanza di informazioni sui diritti legali alla libertà di circolazione per i lavoratori Commissione europea La Commissione ha istituito:

LA TUA EUROPA
EURES
SOLVIT
Mancanza di informazioni sufficienti sulle opportunità di lavoro Commissione europea e Stati membri La Commissione gestisce il portale EURES della mobilità professionale insieme agli SPI nazionali; il portale contiene informazioni generali sui mercati del lavoro nazionali e consente di accedere direttamente alle offerte di lavoro. Non affrontato completamente

Il portale EURES della mobilità professionale non contiene tutte le offerte di lavoro nazionali e le offerte sono spesso incomplete (cfr. paragrafi da 51 a 57.)
Differenze nel campo della sicurezza sociale Commissione europea e Stati membri Nel dicembre 2016, nel quadro del “Pacchetto sulla mobilità dei lavoratori”, la Commissione ha proposto una revisione dell’attuale regolamento (CE) n. 883/2004 e del suo regolamento di applicazione, allo scopo di instaurare un collegamento più stretto tra il pagamento delle prestazioni e lo Stato membro che ha raccolto i contributi della sicurezza sociale e rendere così il sistema più giusto e più equo. Non affrontato completamente

Attualmente gli Stati membri danno maggiore importanza alle forme complementari di reddito pensionistico, che integrano i regimi pensionistici nazionali di base. La direttiva 98/49/CE relativa alla salvaguardia dei diritti a pensione complementare dei lavoratori subordinati e dei lavoratori autonomi non si estende alla “portabilità” delle pensioni complementari, ossia alla possibilità di trasferire tali diritti pensionistici al momento di trasferirsi in uno Stato membro diverso (cosa comunque già possibile nei regimi pensionistici nazionali).
La mancanza di portabilità può costituire un forte disincentivo alla mobilità dei lavoratori.
Riconoscimento di diplomi professionali e accademici Commissione europea e Stati membri Riconoscimento automatico dei diplomi universitari

Istituzione di un quadro europeo per le professioni regolamentate

La tessera professionale europea (EPC) è un nuovo strumento per agevolare il riconoscimento, disponibile solo a partire dal 18 gennaio 2016.
Non affrontato completamente

La relazione 2016 sulla mobilità dei lavoratori segnala che il riconoscimento dei diplomi professionali rimane un grave ostacolo alla mobilità.

Nota: Informazioni più dettagliate sulle azioni adottate e sulla valutazione della Corte sono contenute nell’allegato I alla presente relazione.

Fonte: Corte dei conti europea.

28

L’esempio riportato nel riquadro 4 individua il tipo di azione adottato dalla Commissione e illustra i motivi per cui non si è rivelato pienamente efficace.

Riquadro 4

Esempio di azione della Commissione che affronta un ostacolo individuato alla mobilità dei lavoratori

Ostacolo “Riconoscimento di diplomi professionali e accademici”

Azione: La carta professionale europea (EPC)

La Commissione ha introdotto l’EPC per infermieri/operatori sanitari, farmacisti, fisioterapisti, maestri di sci, guide alpine e agenti immobiliari. Si tratta di un certificato elettronico, per il quale i richiedenti presentano le prove richieste per il riconoscimento alle autorità competenti dello Stato membro di provenienza, che le verificano. Dopo il completamento del controllo della documentazione, le prove documentali sono inoltrate all’autorità competente dello Stato membro ospitante, che esamina l’equivalenza della qualifica professionale. Se il risultato di tale esame non comporta misure di formazione compensativa, tale autorità rilascia l’EPC. L’obiettivo è di migliorare la trasparenza e la certezza giuridica a favore dei professionisti, incoraggiandone la mobilità.

Dal 18 gennaio 2016, quando è stata introdotta l’EPC, in tutta l’UE sono state presentate in totale 3 239 domande di EPC e ne sono state emesse 1 390 (dati del giugno 2017).

La Commissione monitora flussi e modelli di mobilità dei lavoratori, ma è possibile utilizzare in maniera più efficace i dati disponibili presso gli Stati membri, al fine di comprendere gli squilibri del mercato del lavoro

29

La raccolta di dati di buona qualità in materia di flussi e modelli di mobilità dei lavoratori è indispensabile per corroborare il processo decisionale nel contesto della mobilità dei lavoratori a livello nazionale e di Unione europea.

30

L’indagine sulle forze di lavoro (IFL) è la più vasta indagine sulle famiglie europee che analizzi la partecipazione alla forza lavoro delle persone di età pari o superiore a 15 anni. L’IFL è la principale fonte di dati utilizzata dalla Commissione per monitorare i modelli di circolazione dei lavoratori11. La relazione annuale sulla mobilità dei lavoratori si basa essenzialmente sui dati dell’IFL e fornisce dati aggregati su stock e flussi annuali. Ogni anno la relazione riserva particolare attenzione ad alcuni argomenti specifici. Nel 2016 figuravano tra questi i lavoratori frontalieri e la mobilità di ritorno.

31

Per quanto riguarda il monitoraggio della mobilità dei lavoratori, l’IFL presenta dei limiti riconosciuti dalla Commissione12:

  • rispondere all’indagine è obbligatorio solo in 12 Stati membri e i tassi di mancata risposta tra gli stranieri sono notoriamente assai elevati, soprattutto per problemi di lingua;
  • in molti Stati membri può accadere che gli stranieri appena arrivati e i lavoratori a breve termine non siano compresi nell’indagine, poiché l’IFL, in linea con le raccomandazioni internazionali sul censimento, riguarda solo i residenti da un anno o più;
  • in molti paesi, le esigue dimensioni del campione rendono difficile analizzare i dati sulla base della nazionalità.
32

Nel 2005 la Commissione ha segnalato la necessità di migliorare le informazioni sui flussi di mobilità dei lavoratori tra gli Stati membri dell’UE, al di là dell’IFL. La Commissione pubblica un compendio annuale delle fonti di dati pertinenti disponibili negli Stati membri. Nel 2016 quasi tutti i paesi hanno affermato di effettuare la raccolta centralizzata dei dati concernenti i cittadini degli altri Stati membri dell’UE occupati o iscritti come persone in cerca di lavoro. Alcuni SPI raccolgono dati che descrivono il “profilo” individuale dei lavoratori dell’UE; il sistema tedesco, per esempio, contiene informazioni sulla professione/occupazione, il tipo di lavoro svolto e il grado di istruzione del lavoratore. L’utilizzo di tali dati è però risultato arduo, per la mancanza di comparabilità tra gli Stati membri.

33

Nel 2010 la Commissione ha avviato il progetto “Monitorare gli sviluppi del mercato del lavoro in Europa”. Esso era inteso a raccogliere informazioni aggiornate sulle offerte di lavoro, che potessero servire anche come strumento di allarme precoce per le strozzature e le mancate corrispondenze nei mercati del lavoro dell’UE. Le limitazioni dei dati, come la scarsa disponibilità di dati comparabili per Stato membro sulle offerte di lavoro, hanno reso difficile conseguire tale risultato. Il medesimo obiettivo contraddistingue il regolamento EURES del 201613, in base al quale i programmi di lavoro nazionali degli Stati membri devono prendere in considerazione i dati sui flussi e sui modelli di mobilità e l’analisi dei dati su carenze ed eccedenze di manodopera, attuali e previste. La relazione elaborata dalla Commissione nel 201614 illustra nei dettagli le ricerche effettuate su carenze ed eccedenze di manodopera, esplorando le possibili corrispondenze di tali carenze ed eccedenze tra i vari paesi.

34

La Corte ha rilevato che gli Stati membri si collocano a livelli differenti per quanto riguarda la qualità e l’approfondimento delle informazioni sugli squilibri in materia di competenze e forza lavoro, e sulla loro entità. Tra i paesi visitati, Germania e Regno Unito producono dati che vanno al di là di quanto la Commissione possa fornire, e che possono condividere bilateralmente con gli SPI di altri Stati membri (cfr. riquadro 5). Anche la relazione 2016 della Commissione riconosce la necessità di migliorare la raccolta di tali dati in tutti gli Stati membri. Per tale studio, solo 13 dei 26 SPI che hanno presentato dati sono stati in grado di offrire informazioni sull’entità di carenze ed eccedenze nei propri mercati del lavoro nazionali. Al momento della conclusione dell’audit, una valutazione complessiva di carenze ed eccedenze di competenze e manodopera negli Stati membri è ancora in corso.

Riquadro 5

Esempi di dati sugli squilibri in materia di competenze e forza lavoro negli Stati membri

La “Fachkräfteengpassanalyse” in Germania – un quadro dettagliato delle carenze del mercato del lavoro per la manodopera specializzata, per regione e settore economico

Il servizio pubblico per l’impiego tedesco produce un’analisi delle prevedibili carenze di forza lavoro specializzata (“Fachkräfte” in tedesco), differenziata per settore economico e regione. Tale iniziativa si colloca nel contesto dei cambiamenti demografici che si registrano in Germania, del ridotto tasso di disoccupazione e delle crescenti difficoltà di reclutamento di lavoratori specializzati. La carenza viene misurata sulla base dei posti rimasti vacanti (non occupati), del tasso di disoccupazione regionale e del rapporto tra persone disoccupate e posti vacanti. Per la specifica qualifica di specialisti in automazione e meccatronica, ad esempio, la relazione traccia il quadro seguente:

Forza lavoro specializzata nel campo della meccatronica e dell’automazione, dicembre 2016

Confini amministrativi © EuroGraphics.

Fonte dei dati: statistiche dell’Agenzia federale per l’impiego.

Il servizio pubblico per l’impiego tedesco condivide questi dati con altri SPI su base bilaterale, per migliorare il processo di reclutamento di lavoratori specializzati dall’altro Stato membro, ma i dati non sono raccolti né registrati a livello di UE.

… e il Regno Unito offre informazioni più dettagliate sulle carenze di competenze, compreso il salario minimo prevedibile

Nel Regno Unito il dipartimento del Lavoro e delle pensioni compila un elenco delle carenze di competenze rivolto a coloro che sono interessati a lavorare nel Regno Unito. L’elenco riguarda tutto il Regno Unito (con un elenco separato per la Scozia), indica il posto vacante e gli specifici dettagli delle mansioni e segnala il salario minimo prevedibile. Tale elenco è pubblicamente accessibile ed è condiviso con altri Stati membri15.

Parte II – Debolezze nella progettazione e nel monitoraggio delle azioni finanziate dall’UE per facilitare la mobilità dei lavoratori

35

Questa parte della relazione esamina l’efficacia dei finanziamenti erogati dall’UE per facilitare la mobilità dei lavoratori. A tale scopo sono disponibili il programma FSE e il programma EaSI. La Corte ha analizzato le dotazioni finanziarie dei due fondi e la complementarità fra gli obiettivi dell’FSE e quelli dell’EaSI. Sono state inoltre verificate l’efficacia di tali programmi nel sostenere la mobilità dei lavoratori e le modalità con cui viene monitorata questa attività.

36

Per quanto riguarda le attività di EaSI-EURES, la Corte ne ha esaminato due elementi: i progetti EURES gestiti dai partenariati transfrontalieri (CBP), per quanto concerne la progettazione degli stessi e il monitoraggio della performance, nonché il portale EURES della mobilità professionale, in particolare relativamente all’efficacia nel mettere in contatto persone in cerca di occupazione e offerte di lavoro.

Non si conosce il totale dei finanziamenti UE destinati alla mobilità dei lavoratori e non viene garantita la complementarità dei fondi

37

Nei casi in cui l’UE finanzia attività concernenti una priorità importante come la mobilità dei lavoratori, la Commissione deve garantire la possibilità di individuare e monitorare i finanziamenti. Ove siano disponibili più fondi UE, occorre garantirne la complementarità.

38

La figura 5 pone a confronto in termini finanziari i programmi UE concernenti la mobilità dei lavoratori. L’FSE è potenzialmente il principale strumento di sostegno per l’occupazione, in cui rientra la mobilità dei lavoratori. Nell’ambito di uno degli obiettivi tematici dell’FSE, “Promuovere l’occupazione sostenibile e di qualità e sostenere la mobilità dei lavoratori” (il cosiddetto OT 8) e della relativa priorità d’investimento “modernizzazione delle istituzioni del mercato del lavoro, compresa la mobilità dei lavoratori” (la cosiddetta PI 7), gli Stati membri possono programmare attività correlate alla mobilità dei lavoratori. Come si può notare, il finanziamento dell’FSE nell’ambito dell’OT 8 (27,5 miliardi di euro a disposizione degli Stati membri per la mobilità dei lavoratori) è notevolmente superiore ai 919 milioni di euro del programma EaSI, e in particolare all’asse EURES di quest’ultimo (165 milioni di euro), dedicato anch’esso ai problemi della mobilità dei lavoratori.

Figura 5

Confronto dei rispettivi flussi di finanziamento utilizzabili a sostegno della mobilità dei lavoratori

Fonte: Corte dei conti europea.

39

Nel quadro dell’attuale periodo di programmazione 2014-2020 dell’FSE, gli Stati membri possono pianificare le proprie attività nazionali relative a EURES (per esempio i costi di personale e di IT sostenuti negli SPI partecipanti), nonché lo sviluppo di specifiche strategie e programmi di mobilità a livello locale, regionale, nazionale e transfrontaliero, ricorrendo all’FSE. La Commissione ha presentato questo nuovo approccio agli Stati membri nel 2013, sottolineando l’obiettivo di un miglior funzionamento dei mercati del lavoro grazie al miglioramento della mobilità geografica transnazionale dei lavoratori16.

40

Durante l’approvazione dei programmi operativi dell’FSE nel 2013/2014, la Commissione non ha verificato in che misura gli Stati membri abbiano effettivamente programmato azioni riguardanti la mobilità dei lavoratori. Nel settembre 2015, dopo l’approvazione dei programmi operativi dell’FSE, nel tentativo di raccogliere tali informazioni la Commissione ha avviato un’indagine presso gli Stati membri, richiedendo dati sul volume del bilancio pianificato, all’interno dell’FSE, per la mobilità dei lavoratori intra-UE e le azioni EURES. Hanno risposto solo 15 Stati membri. Tra quelli che hanno risposto, 12 hanno affermato di voler sostenere i servizi EURES per mezzo dell’FSE. Per quanto riguarda i mezzi finanziari stanziati a tale scopo, il valutatore dell’indagine ha concluso che “a causa della grande diversità delle risposte e della marcata eterogeneità nell’indicazione delle spese, per anno o in totale, non è possibile confrontare le serie di dati ricevuti dai 15 paesi. Il riquadro 6 delinea le modalità con cui i singoli Stati membri utilizzano l’FSE a tali fini.

Riquadro 6

Esempi di attività dell’FSE che riguardano la mobilità dei lavoratori negli Stati membri e loro rispettiva importanza finanziaria

Portogallo

Il programma sostiene azioni mirate direttamente a persone in cerca di lavoro o ai datori di lavoro, particolarmente in termini di informazioni, consulenza o sostegno al collocamento e al reclutamento, per cittadini del paese o datori di lavoro che desiderano lavorare o assumere in un altro Stato membro.

A tal fine il Portogallo ha programmato 2,16 milioni di euro per il periodo 2014-2020, pari allo 0,02 % del bilancio totale dell’FSE per quel periodo (finanziamenti nazionali e UE), che ammonta a 8,9 miliardi di euro.

Irlanda

L’Irlanda sostiene le persone in cerca di lavoro tramite le fiere del lavoro e la promozione di offerte di lavoro europee su Jobsireland, sul portale EURES e sulla pagina Facebook di EURES. I datori di lavoro hanno potuto organizzare fiere del lavoro e pubblicizzare offerte di lavoro su Jobsireland e sul portale EURES; hanno ricevuto inoltre un sostegno in occasione di eventi di reclutamento all’estero.

L’Irlanda ha programmato 2,7 milioni di euro per il periodo 2014-2020, pari allo 0,28 % del bilancio totale dell’FSE per quel periodo (finanziamenti nazionali e UE), che ammonta a 948 milioni di euro.

41

Nella concezione dell’FSE la mobilità dei lavoratori nell’UE non è stata individuata come priorità d’investimento separata17, né è stata privilegiata in altri modi specifici. Non è quindi possibile determinare gli effettivi importi del bilancio FSE stanziati per azioni EURES o per la mobilità dei lavoratori nei 28 Stati membri, ed è impossibile conoscere gli scopi cui sono stati destinati i singoli finanziamenti.

42

La Corte ha esaminato i programmi operativi FSE degli Stati membri visitati e non è stata in grado di determinare gli importi stanziati a sostegno della mobilità dei lavoratori. Sulla base dell’esame e delle visite effettuate negli Stati membri, la Corte ha concluso che la programmazione di azioni per la mobilità dei lavoratori nel quadro dell’FSE non costituiva per essi una priorità. In Romania si considerava importante soprattutto favorire la mobilità di ritorno, poiché il costante flusso di lavoratori in uscita dal paese aveva provocato carenze in settori vitali dell’economia (cfr. riquadro 7).

Riquadro 7

Il problema della mobilità dei lavoratori e i finanziamenti FSE nei cinque Stati membri visitati

Stato membro visitato L’attuale FSE affronta il problema della mobilità dei lavoratori intra-UE?
Germania No
I finanziamenti FSE si concentrano sull’integrazione nel mercato del lavoro dei giovani, dei disoccupati di lunga durata e dei migranti
Lussemburgo No
L’FSE si occupa dei disoccupati che hanno più di 45 anni e dell’integrazione nel mercato del lavoro dei disoccupati al di sotto dei 30 anni
Polonia Limitatamente, per esempio con l’erogazione di un sussidio di ricollocamento ai giovani che si trasferiscono in un altro Stato membro.
Romania Limitatamente, per incoraggiare la mobilità di ritorno in Romania con la concessione di prestiti individuali
Regno Unito No
Viene data la priorità ai gruppi svantaggiati sul mercato del lavoro, come giovani, disabili e persone con bassi livelli di qualifiche e competenze.
43

Il regolamento di base che definisce le norme orizzontali per tutti i fondi strutturali e d’investimento europei (Fondi SIE, in cui rientra anche l’FSE)18 esige coordinamento e complementarità tra i diversi fondi SIE e altri fondi dell’UE. Il regolamento di base EaSI impone inoltre che le attività realizzate nell’ambito del programma EaSI siano “coerenti con le altre azioni dell’Unione e siano ad esse complementari, quali i Fondi strutturali e di investimento europei (ESIF)"19. Tuttavia, come si illustra nella figura 6, per quanto riguarda la mobilità dei lavoratori il programma EaSI e l’FSE comprendono azioni assai simili rivolte a obiettivi comparabili. Entrambi i fondi affrontano (o possono affrontare) il problema della mobilità dei lavoratori a livello transnazionale e prevedono misure specifiche per promuovere la mobilità, tra cui il sostegno alla cooperazione con le istituzioni competenti.

Figura 6

Confronto delle sovrapposizioni tra obiettivi FSE ed EaSI relativi alla mobilità dei lavoratori

Fonte: Corte dei conti europea.

I partenariati transfrontalieri facilitano la mobilità dei lavoratori, ma si rilevano carenze nella concezione dei progetti CBP e nella segnalazione dell’efficacia

44

I partenariati transfrontalieri EaSI-EURES affrontano il tema della mobilità dei lavoratori. Coinvolgono partner di almeno due Stati membri (o paesi associati) partecipanti, di solito gli SPI nazionali, ma anche altri soggetti come organizzazioni di datori di lavoro, sindacati o altre organizzazioni regionali. Nel quadro di EaSI-EURES i CBP possono richiedere finanziamenti di progetti annuali per le proprie attività. Il riquadro 8 illustra un esempio di progetto CBP finanziato da EaSI-EURES.

Riquadro 8

Il progetto transfrontaliero Oberrhein – un esempio di cooperazione duratura e positiva

Fonte: http://www.interreg-oberrhein.eu/ablage/.

Il CBP EURES-T Oberrhein è stato avviato nel 1999 e interessa le regioni del Baden e del Palatinato meridionale (Germania), l’Alsazia (Francia) e i cantoni di Argovia, Basilea, Basilea città, Giura e Soletta (Svizzera). Ogni giorno 93 300 pendolari ne attraversano le frontiere; si colloca così al secondo posto nell’UE per numero di lavoratori frontalieri.

La cooperazione tra i servizi pubblici per l’impiego, i sindacati e le organizzazioni dei datori di lavoro dei tre paesi agevola l’occupazione transfrontaliera.

Il progetto di partenariato transfrontaliero Oberrhein, esaminato dalla Corte, è finanziato parzialmente da EaSI-EURES e riguarda otto dei dieci obiettivi indicati nell’annuale invito a presentare proposte pubblicato dalla Commissione (per essere presi in considerazione, i progetti devono abbracciare almeno cinque obiettivi).

L’Obiettivo 4 - Sportello unico è stato applicato con successo in Oberrhein: vi sono assegnati tre consulenti EURES, raggiungibili per telefono o e-mail, che rispondono alle domande delle persone in cerca di lavoro. Nel 2016 a questo servizio sono state inviate 2 271 richieste.

L’Obiettivo 5 esige che i CBP progettino e applichino servizi innovativi. Nel caso del CBP Oberrhein ciò si è tradotto nel sostegno ad apprendistati transfrontalieri, soprattutto per giovani cittadini francesi in cerca di lavoro e desiderosi di svolgere un apprendistato presso imprese tedesche.

Nella fase di presentazione della domanda, pochi progetti precisano i risultati quantitativi perseguiti
45

Sono stati esaminati 23 progetti CBP (11 del 2015 e 12 del 201620); la valutazione dei progetti formulata dalla Corte è contenuta nell’allegato II. La Corte ha rilevato che le attività finanziate e approvate dalla Commissione nel corso del processo annuale costituivano spesso una ripetizione delle attività dell’anno precedente. Le attività più comuni consistevano nell’organizzazione di conferenze e fiere del lavoro, seminari, corsi di formazione per la stesura di CV oppure di formazione linguistica. Tra le soluzioni più innovative citiamo l’uso di social media (Facebook, Linkedin, Twitter) o la creazione di contatti con le università. Tali soluzioni innovative vengono raramente programmate.

46

La Corte ha constatato che 21 proposte di progetto contenevano una descrizione qualitativa della situazione, come per esempio una descrizione dei flussi di mobilità e della logica della mobilità transfrontaliera nella regione. Solo nove progetti, però, avevano indicato un valore di partenza quantitativo, precisando le cifre a partire dalle quali era possibile misurare i progressi (figura 7). In ciascun anno, altri quattro progetti contenevano statistiche che si sarebbero potute usare come valore di partenza quantitativo rispetto al quale misurare i progressi, ma che non sono state impiegate a questo scopo.

Figura 7

Esistenza di valori di partenza rispetto ai quali è possibile misurare i progressi

Nota: Un valore di partenza quantitativo è una situazione rispetto alla quale è possibile misurare i risultati del progetto.

Un valore di partenza qualitativo descrive solamente la situazione transfrontaliera ma non può essere utilizzato per misurare i progressi.

Fonte: Corte dei conti europea.

47

La convenzione di sovvenzione per i progetti impone di raccogliere e presentare informazioni “riguardanti le realizzazioni e i risultati delle azioni”. L’esame della Corte ha però riscontrato che solo 16 dei 23 progetti selezionati avevano definito valori-obiettivo in termini di realizzazioni (per esempio il numero di partecipanti alle fiere del lavoro organizzate dal progetto CBP) e solo nove progetti avevano definito i risultati (di solito il numero di collocamenti previsti). Per alcuni progetti non vi era un nesso diretto tra realizzazioni e risultati, dal momento che erano stati fissati i valori-obiettivo in termini di realizzazioni ma non erano stati precisati i risultati previsti. Tra il 2015 e il 2016 la Corte ha constatato un miglioramento per quanto riguarda l’indicazione di valori-obiettivo in termini di risultati: nel 2015 solo il 18 % dei progetti conteneva un valore-obiettivo in termini di risultati, ma nel 2016 tale percentuale era salita al 58 %.

48

Il riquadro 9 presenta il variare delle prassi nei progetti esaminati, in termini di progettazione degli stessi e monitoraggio della performance.

Riquadro 9

Buone e cattive prassi nei 23 progetti dei CBP EURES

Da una cattiva prassi

La maggioranza dei progetti si limita a definire le realizzazioni. Per esempio EURADRIA, una cooperazione transfrontaliera fra Italia, Slovenia e Croazia, non definiva alcun valore di partenza quantitativo (situazione attuale), non indicava un valore-obiettivo per i risultati (cioè collocamenti) e non misurava neppure i risultati del progetto (collocamenti, posti di lavoro trovati). Il progetto forniva però cifre sulle realizzazioni, come il numero di partecipanti alle conferenze o ai seminari.

… a una buona prassi

Alcune cooperazioni transfrontaliere di dimensioni minori, come per esempio quella tra Danimarca e Svezia (Oresund), individuano un maggior numero di azioni mirate e sono in grado di fornire cifre relative a valori di partenza, valori-obiettivo e risultati del progetto in base al numero di collocamenti.

Il sistema di monitoraggio EaSI non consente di aggregare a livello di programma i risultati effettivi dei progetti CBP
49

La Commissione monitora le attività dei progetti CBP utilizzando un modello di comunicazione standard, che ogni coordinatore di progetto è invitato a completare. La relazione è suddivisa in una sezione qualitativa e in una quantitativa. La parte quantitativa non raccoglie realizzazioni o risultati concernenti la mobilità dei lavoratori. La parte qualitativa della relazione viene usata da molti coordinatori di progetto per spiegare le realizzazioni e talvolta i risultati; tuttavia, dal momento che tale spiegazione non è richiesta, ne scaturisce una mancanza di coerenza e uniformità che rende difficile aggregare realizzazioni e risultati.

50

Nel 2016 la Commissione ha introdotto un modello di comunicazione supplementare per i progetti CBP. Il nuovo modello richiede dati che (come la Corte ha riscontrato nel caso dei progetti visitati) non erano reperibili a causa delle nuove classificazioni statistiche imposte. Inoltre, alcuni dati supplementari richiesti per il nuovo modello non provengono dal progetto CBP, bensì dal questionario mensile che la Commissione invia a tutti i consulenti EURES nell’UE. Tale circostanza riduce l’attendibilità della comunicazione per i singoli progetti, dal momento che i dati non sono originati dalle attività del progetto. Nel complesso, occorre perfezionare ulteriormente le misure adottate per migliorare il monitoraggio ex post.

La Commissione mira a rendere il portale EURES della mobilità professionale un autentico strumento europeo per il collocamento e il reclutamento, ma si tratta di un traguardo che sarà arduo raggiungere

51

Il portale EURES permette alle persone in cerca di lavoro di reperire informazioni sui mercati del lavoro in altri Stati membri e di accedere a offerte di lavoro provenienti da tutti i paesi dell’UE e dell’EFTA tramite il portale EURES della mobilità professionale. Analogamente, consente ai datori di lavoro di pubblicizzare le proprie offerte di lavoro presso le persone in cerca di lavoro di altri paesi. Il portale è gestito dalla Commissione21.

La copertura delle opportunità di lavoro disponibili garantita dal portale EURES della mobilità professionale rimane bassa
52

Nella proposta di riforma di EURES formulata nel 2016 (regolamento (UE) 2016/589) la Commissione afferma che “al fine di promuovere la libera circolazione dei lavoratori, tutte le offerte di lavoro rese pubblicamente disponibili dagli SPI e dagli altri membri […] di EURES dovrebbero essere pubblicate sul portale EURES”. La disponibilità incompleta di offerte di lavoro accessibili a livello dell’UE è uno dei più gravi limiti di EURES individuati dalla Commissione nel 2014.

53

I dati forniti alla Corte dagli uffici di coordinamento nazionali nell’ambito dell’indagine svolta indicano che nel 2016, in 11 Stati membri, oltre il 90 % delle offerte di lavoro degli SPI è stato pubblicato anche sul portale EURES della mobilità professionale. In quattro Stati membri è stato invece pubblicato meno del 20 % delle offerte, come illustrato nella figura 8. Nel complesso, una parte significativa delle offerte di lavoro nazionali degli SPI non viene pubblicata sul portale EURES della mobilità professionale.

Figura 8

Percentuale delle offerte di lavoro nazionali degli SPI pubblicate sul portale EURES nel 2016

Nota: i dati provengono dagli UCN degli Stati membri che hanno risposto all’indagine. Non erano disponibili dati per l’Irlanda, la Germania, la Spagna, la Polonia e la Romania. Alcuni UCN hanno menzionato problemi tecnici, come il doppio inserimento di offerte di lavoro nelle banche dati nazionali, ad esempio quando un posto vacante viene pubblicato in diversi annunci. Ciò può pregiudicare l’affidabilità dei dati riportati.

Fonte: Corte dei conti europea.

54

La Corte ha analizzato i dati dell’indagine comunicati dagli UCN per confrontare la percentuale delle offerte di lavoro nazionali degli SPI pubblicizzate su EURES nel 2015 con quella del 2016. Per 13 Stati membri la percentuale era rimasta uguale o era aumentata, ma per nove Stati membri era invece diminuita. Dai dati riportati nella figura 9 si può stimare che, tra il 2015 e il 2016, si è registrata una riduzione complessiva del 15 % nella percentuale di offerte di lavoro degli SPI pubblicate sul portale EURES della mobilità professionale.

Figura 9

Cambiamento della percentuale delle offerte di lavoro nazionali degli SPI pubblicizzate sul portale EURES tra il 2015 e il 2016

Nota: i dati provengono dagli UCN degli Stati membri che hanno risposto all’indagine. Non erano disponibili dati per l’Irlanda, la Germania, la Spagna, la Polonia e la Romania. Alcuni UCN hanno menzionato problemi tecnici, come il doppio inserimento di offerte di lavoro nelle banche dati nazionali, ad esempio quando un posto vacante viene pubblicato in diversi annunci. Ciò può pregiudicare l’affidabilità dei dati riportati.

Fonte: Corte dei conti europea.

55

Il regolamento (UE) 2016/589 autorizza gli Stati membri a consentire ai datori di lavoro di non pubblicare un’offerta di lavoro sul portale EURES della mobilità professionale, “[…] a seguito di una valutazione oggettiva, da parte del datore di lavoro, sui requisiti connessi al posto di lavoro in questione, vale a dire sulle capacità e sulle competenze specifiche necessarie all’adeguato adempimento dei relativi compiti, sulla cui base, e unicamente con queste motivazioni, il datore di lavoro giustifica la mancata pubblicazione dell’offerta di lavoro”. Negli Stati membri visitati dalla Corte, tale disposizione spiega sostanzialmente perché su EURES compaia un numero di offerte di lavoro assai inferiore a quello dei portali nazionali degli SPI. I datori di lavoro possono semplicemente scegliere di non pubblicare le proprie offerte di lavoro sul portale EURES, senza che sia necessario fornire altre giustificazioni.

56

Ma anche se gli SPI dovessero pubblicare sul portale EURES della mobilità professionale tutte le offerte di lavoro contenute nelle proprie banche dati nazionali dedicate, ciò costituirebbe solo una piccola percentuale di tutte le offerte di lavoro disponibili nel mercato del lavoro. In Lussemburgo, per esempio, le offerte di lavoro inserite nella banca dati nazionale dello SPI rappresentano appena il 18 % di tutti i reclutamenti effettuati ogni anno sul mercato del lavoro. Le offerte di lavoro pubblicate sul portale EURES della mobilità professionale da parte di datori di lavoro lussemburghesi rappresentano solo il 4 % dei reclutamenti annuali.

57

In una recente indagine22 svolta tra coloro che utilizzano almeno uno degli 11 diversi siti web dell’UE destinati ai cittadini in materia di competenze e occupazione, solo il 36 % degli utenti si è detto assai probabilmente intenzionato a utilizzare EURES nell’eventuale ricerca di lavoro in un altro paese. In aggiunta a questo feedback fornito dagli utilizzatori finali, 10 dei 27 UCN nazionali che hanno risposto all’indagine della Corte giudicano EURES meno efficace del proprio sistema SPI come portale di collocamento per le persone in cerca di lavoro o come portale di mobilità professionale per i datori di lavoro.

Si rilevano carenze nelle informazioni fornite alle persone in cerca di lavoro in merito alle offerte di lavoro pubblicate
58

La Corte ha cercato di comprendere le difficoltà pratiche che le persone in cerca di lavoro devono affrontare quando utilizzano il portale EURES; sono stati perciò analizzati alcuni annunci di offerte di lavoro, impiegando dei parametri che sembravano utili per ogni ricerca di lavoro. Sono state scelte due professioni “ingegnere elettrico/elettronico” e “operatore dell’assistenza”. In totale, la Corte ha selezionato a caso, per esaminarle, 50 offerte di lavoro per ciascuna professione pubblicate su EURES in nove paesi. Dall’esame è emerso che esistono ancora ampi margini di miglioramento per quanto riguarda le informazioni comunicate alle persone in cerca di lavoro. Per esempio, 39 offerte non indicavano una scadenza per la presentazione della domanda, 28 non fornivano informazioni sul grado di istruzione richiesto, 26 non precisavano il livello di qualifica richiesto, 44 non menzionavano neppure la data d’inizio dell’impiego, 33 non contenevano informazioni sull’orario settimanale e 35 non comunicavano dettagli sullo stipendio.

Il monitoraggio dei collocamenti realizzati tramite la rete EURES è inattendibile, benché si tratti di un indicatore di performance essenziale per EaSI

59

Misurando i collocamenti realizzati tramite la rete EaSI-EURES si può valutare l’efficacia della rete stessa. Secondo la Commissione, nel 2016 il sostegno dei consulenti EURES si è tradotto in 28 934 collocamenti. Questa cifra indica che il 3,7 % dei contatti tra persone in cerca di lavoro e un consulenti EURES si è concluso con un collocamento.

60

Questi dati sono raccolti dalla Commissione che interpella i consulenti EURES direttamente mediante un’indagine mensile. L’accuratezza dei dati è problematica: risponde in media il 60 % dei consulenti e il feedback si basa su stime individuali prive di ulteriori riscontri. Quando, nel corso delle visite, la Corte ha interpellato gli UCN, questi spesso non erano in grado di confermare le cifre che la Commissione utilizza nei documenti di monitoraggio pubblicamente disponibili. Allo scopo di raccogliere dati più attendibili per misurare le prestazioni di EaSI-EURES, la riforma di EURES varata nel 2016 invita la Commissione a proporre specifiche dettagliate uniformi per la raccolta e l’analisi di dati al fine di monitorare e valutare il funzionamento della rete EURES23.

61

Allorché la Corte ha esaminato gli UCN nazionali, soltanto 3 dei 27 che hanno risposto si sono dichiarati in grado di misurare i collocamenti. A questo riguardo, le due difficoltà principali sono le seguenti:

  • i datori di lavoro potrebbero ritirare gli annunci senza notificare se il posto sia stato occupato da un candidato “EURES” (21 Stati membri hanno segnalato questa situazione);
  • non vi è stato un follow-up sistematico delle offerte di lavoro pubblicate su EURES (ad esempio le offerte non sono più valide dopo un determinato periodo di tempo standard) (16 Stati membri).

Nel Regno Unito e in Germania gli UCN non misurano più questo indicatore nelle proprie banche dati di offerte di lavoro; misurano invece l’efficacia rispetto a un indicatore di effetto come il tasso di disoccupazione. Attualmente, la Commissione sta riesaminando il sistema di misurazione della performance di EURES (compresi gli indicatori di performance) ma intende mantenere l’indicatore relativo ai collocamenti. Per dimostrarsi attendibile, tuttavia, tale indicatore dovrà risolvere i problemi citati.

Conclusioni e raccomandazioni

62

Nel complesso, la Corte conclude che la Commissione europea ha posto in essere numerosi strumenti per garantire la libertà di circolazione dei lavoratori. Tali strumenti sono però suscettibili di miglioramenti. Inoltre, non è possibile individuare le azioni finanziate dall’UE a titolo dell’FSE per facilitare la mobilità dei lavoratori, né è possibile monitorarne adeguatamente l’efficacia per quanto riguarda il programma EaSI.

63

La Commissione offre una serie di strumenti per informare i lavoratori dei loro diritti. Non si sa tuttavia in che misura i cittadini siano a conoscenza di tali strumenti. I lavoratori possono segnalare casi di discriminazione contro la libertà di circolazione tramite numerosi canali ma non esiste ancora un quadro completo di questi casi. Nonostante le azioni adottate dalla Commissione rimangono altre restrizioni alla libertà di circolazione (cfr. paragrafi 14-28).

64

L’indagine sulle forze di lavoro (IFL) è il principale strumento a disposizione della Commissione per raccogliere dati sulla mobilità dei lavoratori; non è però in grado di fornire un quadro completo di flussi e modelli della mobilità dei lavoratori. Gli Stati membri dispongono di dati più validi, ma è ancora in corso il lavoro di raccolta di dati comparabili a livello europeo per promuovere la mobilità dei lavoratori (cfr. paragrafi 29-34).

65

I finanziamenti dell’UE possono favorire la mobilità dei lavoratori tramite l’FSE e il programma EaSI. L’analogia dei rispettivi obiettivi li rende difficilmente complementari. La Commissione ignora in che modo l’FSE sia utilizzato da tutti gli Stati membri a sostegno della mobilità dei lavoratori. Il quadro di monitoraggio del programma EaSi lamenta una serie di carenze. I finanziamenti utilizzati nell’ambito del programma EaSI hanno avuto scarso impatto, in termini di collocamenti registrati, rispetto al numero di lavoratori mobili (cfr. paragrafi 35-50).

66

Il portale EURES riuscirà a diventare un autentico strumento di collocamento europeo solo qualora vengano risolte carenze come la bassa percentuale di offerte di lavoro pubblicate sul portale stesso (cfr. paragrafi 51-60).

67

La Corte pertanto raccomanda quanto segue:

Raccomandazione 1 - Misurare la conoscenza, da parte dei cittadini dell’UE, degli strumenti esistenti destinati a fornire informazioni sulla libertà di circolazione dei lavoratori e a segnalare le discriminazioni

  1. La Commissione dovrebbe misurare i livelli di conoscenza, tra i cittadini, di EURES, LA TUA EUROPA e SOLVIT.
  2. Una volta che siano noti i livelli di conoscenza, la Commissione e gli Stati membri dovrebbero utilizzare tali dati per effettuare un orientamento efficace e promuovere questi strumenti.

Data-obiettivo di attuazione: luglio 2018.

Raccomandazione 2 - Sfruttare meglio le informazioni disponibili per individuare i tipi di discriminazione contro la libertà di circolazione

La Commissione dovrebbe sfruttare più intensamente i dati facilmente reperibili negli Stati membri per indicare in maniera più precisa i settori di discriminazione e le variazioni che questi registrano tra gli Stati membri. Grazie a tali informazioni sarà possibile orientare con maggiore efficacia le azioni tese a combattere le discriminazioni.

Data-obiettivo di attuazione: dicembre 2018.

Raccomandazione 3 - Migliorare la raccolta e l’utilizzo dei dati sui modelli e i flussi della mobilità dei lavoratori e sugli squilibri del mercato del lavoro

Insieme agli Stati membri, la Commissione dovrebbe migliorare la raccolta dei dati sulla mobilità dei lavoratori nonché la comparabilità di tali dati: in particolare la tipologia dei lavoratori che si trasferiscono e il potenziale che la mobilità dei lavoratori possiede per risolvere gli squilibri del mercato del lavoro.

Tali analisi dovrebbero condurre a interventi mirati per risolvere gli squilibri in materia di competenze e nel mercato del lavoro. È necessario che siano disponibili prima del prossimo periodo di programmazione, affinché gli Stati membri possano utilizzarle nello stabilire la ripartizione dei finanziamenti per i programmi europei, ad esempio a nell’ambito dell’FSE.

Data-obiettivo di attuazione: marzo 2020.

Raccomandazione 4 - Migliorare la concezione dei finanziamenti UE a favore della mobilità dei lavoratori

Attualmente il problema della mobilità dei lavoratori è affrontato specificamente dall’FSE e dal programma EaSI. La Commissione dovrebbe valutare come migliorare la concezione dei finanziamenti UE per garantire la complementarità e un miglior monitoraggio della performance di tali finanziamenti.

Data-obiettivo di attuazione: marzo 2020 (nel contesto del nuovo quadro finanziario pluriennale).

Raccomandazione 5 - Migliorare il monitoraggio dell’efficacia di EaSI-EURES, soprattutto per quanto riguarda i collocamenti

  1. La Commissione dovrebbe affinare il quadro di monitoraggio per i progetti di CBP di EaSI-EURES, per istituire un chiaro collegamento tra obiettivi, realizzazioni e risultati nella fase della presentazione delle domande, in modo da migliorare la comunicazione dei risultati del monitoraggio alla fine del progetto e l’aggregazione dei risultati dei CBP a livello di programma.
  2. La Commissione dovrebbe perfezionare il sistema di misurazione della performance di EaSI-EURES inviando agli Stati membri specifiche dettagliate per la raccolta e l’analisi dei dati, in base alle quali gli Stati membri dovrebbero raccogliere dati attendibili sulle attività di EURES, in particolare per i collocamenti.

Data-obiettivo di attuazione: luglio 2018.

Raccomandazione 6 - Porre rimedio ai limiti del portale EURES della mobilità professionale

Gli Stati membri dovrebbero porre rimedio agli attuali limiti del portale EURES della mobilità professionale per fare del portale stesso “un autentico strumento europeo di collocamento e assunzione” entro il 2018. Questo obiettivo si può realizzare nel modo seguente:

  1. facendo sì che una maggior percentuale delle offerte di lavoro degli SPI sia pubblicata su EURES; a tale scopo gli Stati membri devono risolvere il problema delle condizioni alle quali i datori di lavoro possono decidere di non pubblicare le proprie offerte di lavoro su EURES;
  2. migliorando la qualità degli annunci delle offerte di lavoro; a tale scopo gli SPI degli Stati membri dovrebbero garantire che sul portale EURES della mobilità professionale vengano pubblicati solo annunci di offerte di lavoro recanti informazioni di buona qualità: per esempio la scadenza per la presentazione della domanda, il tipo di impiego offerto, i dettagli relativi al salario e il luogo di lavoro. La presenza di tali informazioni comporta risultati migliori sia per le persone in cerca di lavoro, sia per i datori di lavoro.

Data-obiettivo di attuazione: luglio 2019.

La presente relazione è stata adottata dalla Sezione II, presieduta da Iliana IVANOVA, Membro della Corte dei conti europea, a Lussemburgo, nella riunione del 24 gennaio 2018.

Per la Corte dei conti europea

Klaus-Heiner LEHNE
Presidente

Allegati

Allegato I

Sintesi della valutazione delle azioni adottate dalla Commissione per superare gli ostacoli che si frappongono alla mobilità dei lavoratori

Ostacoli Responsabilità La Commissione ha preso provvedimenti? Principali elementi dell’intervento della Commissione L’ostacolo che si frappone alla mobilità dei lavoratori viene affrontato in maniera efficace dal punto di vista dei lavoratori? Spiegazione della valutazione della Corte
Mancanza di informazioni sui diritti legali alla libertà di circolazione per i lavoratori Commissione europea La Commissione ha istituito:
LA TUA EUROPA
EURES
SOLVIT
1 LA TUA EUROPA ed EURES offrono una buona base per ottenere informazioni su diritti individuali e mercati del lavoro nazionali.
SOLVIT è un sistema valido per la presentazione di denunce contro trattamenti iniqui da parte delle amministrazioni nazionali, mentre LA TUA EUROPA – CONSULENZA offre la possibilità di contattare un esperto legale.
Mancanza di informazioni sufficienti sulle opportunità di lavoro Commissione europea e Stati membri La Commissione amministra il portale EURES della mobilità professionale, insieme agli SPI nazionali.
Il 13 dicembre 2016 la Commissione ha presentato una proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio per modificare le norme dell’UE sul coordinamento della sicurezza sociale. L’obiettivo è quello di ammodernare le norme vigenti per garantirne l’equità, la chiarezza e l’agevole applicazione, aumentando così la trasparenza e la chiarezza giuridica in vari settori del coordinamento della sicurezza sociale. La proposta della Commissione è stata trasmessa al Parlamento europeo e al Consiglio per essere discussa.
Non affrontato completamente La disponibilità di offerte di lavoro sul portale EURES della mobilità professionale è ancora incompleta, poiché il portale non contiene tutte le offerte di lavoro accessibili negli SPI nazionali.
Le offerte di lavoro caricate su EURES dagli SPI nazionali sono spesso incomplete e ciò ne limita il valore per i lavoratori interessati a trovare un impiego all’estero.
Differenze nel campo della sicurezza sociale Commissione europea e Stati membri Il regolamento (CE) n. 883/2004 e il relativo regolamento di applicazione affrontano i seguenti aspetti principali:
  • ampliare i settori della sicurezza sociale coperti dal regolamento, includendovi i regimi legali di prepensionamento;
  • rafforzare il principio generale della parità di trattamento e il principio dell’esportabilità delle prestazioni di sicurezza sociale;
  • introdurre il principio di buona amministrazione: le istituzioni degli Stati membri hanno l’obbligo di cooperare reciprocamente e fornirsi assistenza reciproca a beneficio dei cittadini;
  • istituire un sistema speciale (lo scambio elettronico di informazioni sulla sicurezza sociale – EESSI) per consentire lo scambio sicuro di dati per via elettronica tra le istituzioni nazionali; nel luglio 2017 la Commissione europea ha varato il software per questo scambio elettronico. Gli Stati membri hanno ora due anni per connettere i propri sistemi nazionali e consentire così il completo scambio elettronico di dati ai fini del coordinamento della sicurezza sociale.

Il 16 aprile 2014 è stata adottata la direttiva 2014/50/UE sull’acquisizione e la salvaguardia dei diritti pensionistici complementari. Essa istituisce requisiti minimi per la tutela dei diritti pensionistici dei lavoratori mobili.
Nel dicembre 2016, nel quadro del pacchetto sulla mobilità dei lavoratori, la Commissione ha proposto una revisione del regolamento (CE) n. 883/2004 e del regolamento di applicazione (CE) n. 987/2009. La revisione intende instaurare un collegamento più stretto tra il pagamento delle prestazioni e lo Stato membro che ha raccolto i contributi della sicurezza sociale e rendere così il sistema più giusto e più equo.
Non affrontato completamente Attualmente gli Stati membri danno maggiore importanza alle forme complementari di reddito pensionistico, che integrano i regimi pensionistici nazionali di base. La direttiva 98/49/CE relativa alla salvaguardia dei diritti a pensione complementare dei lavoratori subordinati e dei lavoratori autonomi non si estende alla “portabilità” delle pensioni complementari, ossia alla possibilità di trasferire tali diritti pensionistici al momento di trasferirsi in uno Stato membro diverso (cosa comunque già possibile per i regimi pensionistici nazionali).
La mancanza di portabilità può costituire un forte disincentivo alla mobilità dei lavoratori.
La recente direttiva 2014/50/UE si propone di affrontare questo problema. Essa comprende requisiti minimi per accrescere la mobilità dei lavoratori tra Stati membri migliorando l’acquisizione e la salvaguardia di diritti pensionistici complementari. Gli Stati membri dovrebbero recepirla nella legislazione nazionale entro maggio 2018.
Riconoscimento di diplomi professionali e accademici Commissione europea e Stati membri Riconoscimento automatico dei diplomi universitari
Istituzione di un quadro europeo per le professioni regolamentate
La tessera professionale europea (EPC) è un nuovo strumento per agevolare il riconoscimento, disponibile solo a partire dal 18 gennaio 2016. Al 30 giugno 2017, l’adozione di questo strumento da parte del primo gruppo di professioni faceva registrare i seguenti dati: 3 239 domande di EPC registrate e 1 390 EPC emesse.


Per il riconoscimento delle qualifiche nelle professioni regolamentate
La relazione 2016 sulla mobilità dei lavoratori segnala che il riconoscimento dei diplomi professionali rimane un grave ostacolo alla mobilità.

La Commissione ha allestito una banca dati in cui sono contenute le professioni regolamentate negli Stati membri e indicate le autorità competenti da consultare per il riconoscimento delle qualifiche e dei diplomi. Dall’audit è emerso che, se adeguatamente applicato, il riconoscimento per i diplomi regolamentati funziona bene: la percentuale di accoglimento delle domande presentate è assai elevata.

L’EPC può essere estesa ad altre professioni mobili che soddisfino i criteri fissati nella direttiva sul riconoscimento delle qualifiche professionali. Tuttavia, non è stata fissata una data per tale estensione, che verrà presa in considerazione dopo aver acquisito una più ampia esperienza pratica del suo funzionamento e fatte salve le consultazioni con tutte le parti interessate, tra cui le autorità degli Stati membri. La Commissione sta attualmente valutando le esperienze del primo anno di funzionamento dell’EPC.
Non affrontato completamente

per il riconoscimento delle qualifiche professionali

1Dal momento che non è stata misurata la conoscenza generale di questi sistemi, non è possibile stabilire se tutti i lavoratori interessati a lavorare in un altro Stato membro siano al corrente dell’esistenza di questi strumenti.

Allegato II

Sintesi della valutazione, da parte della Corte, dei 23 progetti di partenariato transfrontaliero EaSI-EURES esaminati

Titolo del progetto Stati membri partecipanti Sovvenzione UE concessa (massimo) Tasso di esecuzione Obiettivi Valore di partenza Valori-obiettivo Monitoraggio
qualitativo quantitativo Realizzazione Effetto Realizzazione Effetto
2015/0062 EURADRIA 2015 IT, SI, HR 193,159.97 82.95% 12345789 No* No No
2015/0272 EURADRIA 2016 IT, SI 198,014.90 76.23% 123467 No* No No
VS/2015/0096 Northen Ireland/ Rep of Ireland 2015 IE, UK 220,663.32 82.46% 1235789 No* No No No
VS/2015/0283 Northern Ireland/Rep of Ireland 2016 IE, UK 221,283.35 86.01% 12345689 No* No No
VS/2015/0065 Galicia-North Portugal 2015 ES, PT 205,581.27 65.69% 124578 No* No No
VS/2015/0279 Galicia-North Portugal 2016 ES, PT 233,254.30 69.11% 1234567810 No* No No
VS/2015/0066 Bayern-Tschechien 2015 DE, CZ 335,107.34 68.98% 123478 No No
VS/2015/0284 Bayern-Tschechien 2016 DE, CZ 708,075.60 82.95% 123478
VS/2015/0072 Oberrhein 2015 DE, FR, (SW) 485,053.56 76.22% 123478 No No No
VS/2015/0314 Oberrhein 2016 DE, FR, (SW) 460,806.23 91.20% 12345678 No No No
VS/2015/0068 Oresund 2015 DK, SE 198,172.19 84.70% 123489
VS/2015/0278 Oresund 2016 DK, SE 195,512.96 80.97% 1234569
VS/2015/0082 Scheldemond 2015 NL, BE 213,504.91 71.24% 123678 No No
VS/2015/0285 Scheldemond 2016 NL, BE 214,281.46 77.29% 123456789 No
VS/2015/0084 ERW-ERMN-EMR 2015 DE, BE, NL 617,629.20 87.99% 1234578 No No
VS/2015/00281 ERW-ERMN-EMR 2016 DE, BE, NL 671,117.63 72.60% 123456789 No No
VS/2015/0095 Triregio 2015 DE, CZ, PL 216,130.78 85.32% 12345789 No* No No
VS/2015/0266 Triregio 2016 DE, CZ, PL 261,093.85 77.22% 1234568910 No* No
VS/2015/0101 Grande Region 2015 FR, BE, DE, LU 600,000 100.00% 123478 No No
VS/2015/0277 Grande Region 2016 FR, BE, DE, LU 646,242.28 97.87% 123456789 No No No
VS/2015/0111 Pannonia 2015 HU, AT 254,188.53 86.23% 123458 No No No
VS/2015/0268 Pannonia 2016 HU, AT 278,728 98.04% 12345689 No No No
VS/2015/0287 Beskydy 2016 CZ, PL, SK 272,124.90 43.58% 12345678910 No No

Note:

Obiettivi: indicare il numero dell'attività selezionata: (1) Servizi al cliente per i lavoratori (2) Servizi al cliente per i datori di lavoro (3) Favorire l'incrocio tra offerte e domande di lavoro (4) Sportello unico (5) Elaborare e mettere in atto servizi innovativi (6) Monitorare i collocamenti (7) Monitorare la mobilità (8) Favorire la cooperazione in progetti di partenariati transfrontalieri (9) Progetti specifici di collocamento (per esempio PMI) (10) Creazione di nuovi enti di assistenza.

* NO significa che sono disponibili alcuni dati statistici che si potrebbero usare come valore di partenza quantitativo ma non vengono utilizzati in modo coerente (ossia non vi è alcun follow-up).

Risposte della Commissione

Sintesi

I

Nel 2018 l’UE celebrerà il 50° anniversario del regolamento che ha introdotto la libera circolazione dei lavoratori. La Commissione ritiene che, nonostante siano stati realizzati notevoli progressi dal 1968 ad oggi nel settore della mobilità dei lavoratori europei, come dimostrano i dati menzionati dalla Corte dei conti europea, vi sia ancora la necessità di garantire che le norme e gli strumenti dell’UE siano applicati in maniera equa, semplice ed efficace. Tale necessità ha indotto la Commissione a proporre, nel suo programma di lavoro per il 2018, l’istituzione di un’autorità europea del lavoro. La relazione speciale della Corte dei conti europea offre un’analisi e una serie di raccomandazioni utili in tale contesto.

III

Le strategie e le attività di comunicazione relative a ciascuno strumento pertinente contemplano attività di sensibilizzazione. La Commissione ritiene che, in generale, l’efficacia delle azioni finanziate nell’ambito del programma EaSI per facilitare la mobilità dei lavoratori sia adeguatamente monitorata.

IV

La Commissione riconosce che persistono ostacoli alla mobilità. Per tale ragione la mobilità rimane una delle priorità del suo programma attraverso il rafforzamento della sua legislazione e dei suoi strumenti principali e la presentazione di nuove iniziative ambiziose.

V

Proprio per tale motivo la Commissione ha introdotto nella sua proposta di regolamento EURES disposizioni specifiche a tale riguardo. Tutti gli Stati membri dovrebbero ora contribuire all’analisi in conformità con l’articolo 30 del regolamento (UE) 2016/589. La Commissione si attende che nel tempo ciò migliori la disponibilità e la qualità dei dati sulle carenze ed eccedenze di manodopera.

VI

L’FSE individua già 18 priorità d’investimento. Molte delle priorità d’investimento "settoriali" intendono aiutare le persone a trovare un lavoro (o un lavoro migliore) e garantire opportunità di vita più eque per tutti. Tale sostegno, dunque, offre ad ogni lavoratore maggiori probabilità di trovare un impiego dove le sue competenze sono richieste, all’interno o all’esterno della sua regione o dello Stato membro di appartenenza. Inoltre, gli Stati membri e le regioni devono anche soddisfare i cosiddetti criteri di concentrazione tematica (cfr. l’articolo 4 del regolamento (UE) n. 1304/2013). Aggiungere qualsiasi priorità d’investimento contribuirebbe a distogliere l’attenzione da questi obiettivi.

VII

La Commissione ammette che è possibile sviluppare ulteriori sinergie e si adopera per migliorare i risultati dei suoi programmi e per renderli più trasparenti attraverso un migliore sistema di monitoraggio.

VIII

Il modello standard della relazione finale sull’esecuzione tecnica contiene, nella parte quantitativa, una sezione relativa alle realizzazioni del sostegno, nella quale occorre inserire il numero delle azioni di informazione, consulenza o fornitura di servizi di collocamento e reclutamento. Questo è uno degli indicatori che è specificamente correlato a servizi solitamente erogati dai partenariati transfrontalieri. Vi è dunque una base chiara per la comunicazione uniforme dei dati nel corso dell'intero programma.

Inoltre, di norma, i coordinatori di progetto spiegano i rispettivi risultati in maggior dettaglio nella sezione qualitativa della relazione, nella quale forniscono un’indicazione e una spiegazione degli indicatori quantitativi raggiunti per partenariato transfrontaliero, ad esempio il numero dei collocamenti realizzati. Tali indicatori sono successivamente diffusi e comunicati attraverso relazioni di monitoraggio su progetti e organizzazioni finanziati dal programma EaSI che sono disponibili sul portale EUROPA (attualmente sono pubblicamente disponibili 7 volumi; il prossimo è in preparazione).

IX

Questa percentuale dovrebbe aumentare con la piena attuazione del regolamento (UE) 2016/589.

La Commissione rileva che spetta ai titolari dei dati sui portali nazionali per l’impiego la responsabilità di assicurare la qualità intrinseca e tecnica dei dati in questo ambito, come indicato nel regolamento (UE) 2016/589. Nel quadro istituito da tale regolamento, la Commissione è autorizzata dai fornitori nazionali di dati a recuperare i dati presenti sui portali nazionali per l’impiego ma non ha la facoltà di rettificare o modificare tali dati. Laddove rilevi discrepanze tecniche, incidenti o dati obsoleti, la Commissione li segnalerà al fornitore nazionale dei dati in questione e chiederà ai fornitori dei dati di adottare i provvedimenti necessari. Non rientra nel mandato relativo alla segnalazione di eventuali anomalie la possibilità di formulare osservazioni sulla qualità intrinseca (sul contenuto) dei dati relativi alle offerte di lavoro.

X

La Commissione sottolinea che il ruolo del personale di EURES è fornire informazioni e orientamenti ai lavoratori e prestare assistenza per quanto riguarda l’incrocio delle domande e offerte di lavoro e il collocamento. Anche i contatti con i lavoratori, laddove lo scopo è fornire le informazioni da loro richieste o rispondere ai loro quesiti specifici, rappresentano importanti realizzazioni del sostegno fornito alla popolazione destinataria.

I risultati raggiunti in termini di collocamenti effettivi devono essere misurati in relazione al numero delle richieste specifiche di assistenza nel collocamento. Il tasso di collocamento può variare in funzione della popolazione destinataria (grado di esperienza e competenze adeguate) e della natura dell’offerta di lavoro (posto di lavoro difficile da assegnare o meno). Per tale ragione la Commissione non fissa alcun valore-obiettivo o parametro per stabilire, in generale, quale tasso di collocamento sia indice di efficienza.

XI
  1. La Commissione accetta la raccomandazione e sottolinea che è già in corso l’adozione di misure volte a incentivare l’utilizzo degli strumenti esistenti.
  2. La Commissione accetta la raccomandazione.

    L’attività della futura autorità europea del lavoro (cfr. la risposta al paragrafo I) dovrebbe aiutare la Commissione a sfruttare maggiormente tali informazioni.

  3. La Commissione rileva che la raccomandazione è parzialmente rivolta agli Stati membri.

    Nella misura in cui la riguarda, la Commissione accetta la raccomandazione e sottolinea che è già in corso l’adozione di misure volte a incentivare l’utilizzo degli strumenti esistenti.

  4. La Commissione accetta la raccomandazione nel senso che intende esaminare in che modo sia possibile migliorare, in generale, la concezione dei finanziamenti UE a favore della mobilità dei lavoratori nel quadro della preparazione del prossimo quadro finanziario pluriennale.
XII

(e)La Commissione rileva che la raccomandazione è rivolta agli Stati membri.

(f)La Commissione rileva che la raccomandazione è rivolta agli Stati membri.

La Commissione continuerà ad adoperarsi per porre rimedio a tali limiti e intende accogliere i suggerimenti della Corte controllando in modo più rigoroso l’applicazione della disposizione relativa alla possibilità di "opt-out" per i datori di lavoro e sostenendo gli sforzi profusi dagli Stati membri per migliorare in generale, al loro livello, la qualità delle offerte di lavoro da pubblicare.

Introduzione

08

Nel 2017 l’autorità legislativa ha deciso di riesaminare le soglie tra i tre assi del programma EaSI, introducendo una maggiore flessibilità e dunque la possibilità di finanziamenti aggiuntivi per l’asse EURES.

Osservazioni

18

Il portale della mobilità professionale EURES è stato il sito più visitato del dominio Europa.EU nel 2017 (data limite 4.12.2017), con 14,12 milioni di visite e 46,2 milioni di visualizzazioni. La Commissione comprende che i due criteri menzionati dalla Corte (scoperta del sito tramite ricerche sul web o per caso) sono piuttosto efficienti. Ritiene anche che ciò rifletta l’efficiente attività di sensibilizzazione svolta sul campo dai partner dedicati.

30

L’indagine sulle forze di lavoro (LFS) è la fonte principale in quanto è un’indagine armonizzata, che consente una comparabilità significativa tra i paesi partecipanti. I dati comunicati (incentrati sulla cittadinanza e sul paese di nascita) sono aggregati ad un livello che deve soddisfare i criteri di affidabilità delle indagini a campione.

La Commissione sottolinea che la LFS è di grande utilità ai fini dell’analisi della mobilità dei lavoratori (e della migrazione) intra-UE. Il valore della LFS è riconosciuto in tutto il mondo dalla comunità accademica e dai ricercatori che si occupano di politiche e tale strumento è ampiamente utilizzato per rispondere a domande attinenti alla mobilità intra-UE, alla migrazione, ecc.

31

I limiti della LFS rilevati dalla Corte sono progressivamente affrontati dal sistema statistico. Si osservi, tuttavia, che l’indagine LFS non è concepita in maniera tale da comprendere specificamente i lavoratori mobili e migranti dell’UE ma riguarda l’intera popolazione.

Primo trattino: gli Stati membri cercano di incoraggiare la partecipazione degli stranieri e applicano metodi di correzione della mancata risposta. Ad esempio alcuni paesi utilizzano la nazionalità nella correzione della mancata risposta e nella rispettiva procedura di ponderazione. I questionari e le interviste sono spesso disponibili anche in lingue straniere.

Gli Stati membri collaborano con Eurostat per aumentare i tassi di risposta in generale.

Secondo trattino: sebbene porti a sottostimare il numero dei lavoratori migranti appena arrivati e dei lavoratori temporanei e stagionali, la regola dei 12 mesi offre complessivamente un quadro più coerente del mercato del lavoro, anche per gli stranieri.

Terzo trattino: l’obiettivo generale è disporre di un campione sufficientemente ampio che consenta di analizzare una vasta gamma di caratteristiche e comportamenti del mercato del lavoro per nazionalità e/o paese di nascita, a un livello affidabile. Ciò accade spesso nel caso degli Stati membri di maggiori dimensioni e in Europa occidentale ma non vale per tutti i paesi o per tutte le regioni.

Se in alcuni paesi e in alcune regioni la LFS non consente di disaggregare i dati in maniera affidabile in base alla nazionalità e/o al paese di nascita, ciò potrebbe indicare che il fenomeno della mobilità e della migrazione intra-UE in tali paesi è raro o addirittura trascurabile.

32

Per analizzare i flussi di mobilità dei lavoratori la Commissione utilizza, in primo luogo, dati armonizzati forniti da Eurostat (principalmente dati demografici e dati della LFS). La Commissione ricorre al citato compendio predisposto con gli Stati membri nel caso in cui sia necessaria un’analisi più dettagliata.

Queste fonti di dati aggiuntive, sebbene non armonizzate da Eurostat, possono certamente essere di grande utilità in taluni casi nei quali non si dispone di altri dati attendibili o comparabili. È quanto è accaduto, ad esempio, con la relazione del 2015 sul funzionamento delle disposizioni transitorie in materia di libera circolazione dei lavoratori provenienti dalla Croazia.

Oltre alla raccolta dei dati a livello nazionale in materia di sicurezza sociale, è stata istituita a livello dell’UE una raccolta esaustiva di dati relativi al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale tra gli Stati membri (cfr. l’articolo 91 del regolamento (CE) n. 987/2009) al fine di valutare il funzionamento delle norme di coordinamento in materia di sicurezza sociale.

34

La Commissione sottolinea di avere introdotto disposizioni pertinenti nella sua proposta di regolamento EURES con il preciso intento di migliorare la raccolta dei dati relativi alle carenze ed eccedenze di manodopera. Tutti gli Stati membri dovrebbero ora contribuire all’analisi in conformità con l’articolo 30 del regolamento (UE) 2016/589. La Commissione si attende che ciò migliori la disponibilità dei dati nel corso del tempo.

40

La Commissione ha scelto di effettuare un’indagine specifica presso gli Stati membri nel 2015, in un momento in cui la maggioranza degli Stati membri aveva concluso la propria programmazione, al fine di individuare in che misura fossero state programmate azioni riguardanti la mobilità dei lavoratori nel quadro dell’FSE. Inoltre, pur non monitorando in maniera sistematica i progressi compiuti nella realizzazione di tali azioni, la Commissione ha scelto di sostenere gli Stati membri organizzando un evento di apprendimento reciproco e networking EURES–FSE, che si è svolto dal 17 al 18 novembre 2015. Questo evento ha riunito membri del personale addetto alla gestione dell’FSE e responsabili dei progetti per la mobilità dei lavoratori intra-UE e dei progetti correlati a EURES al fine di individuare buone prassi. In questa occasione sono state presentate le opportunità che l’FSE può offrire per lo sviluppo delle attività di EURES ed è emerso che alcuni Stati membri hanno creato qualcosa di nuovo in relazione ai servizi.

41

L’FSE individua già 18 priorità d’investimento. Molte delle priorità d’investimento "settoriali" intendono aiutare le persone a trovare un lavoro (o a trovarne uno migliore) e garantire opportunità di vita più eque per tutti. Tale sostegno, dunque, offre ad ogni lavoratore maggiori probabilità di trovare un impiego dove le sue competenze sono richieste, all’interno o all’esterno della sua regione o dello Stato membro di appartenenza.

Inoltre, gli Stati membri e le regioni devono anche soddisfare i cosiddetti criteri di concentrazione tematica (cfr. l’articolo 4 del regolamento (UE) n. 1304/2013). Aggiungere qualsiasi priorità d’investimento contribuirebbe a distogliere l’attenzione da questi obiettivi.

Risposta congiunta della Commissione ai paragrafi 42 e 43

La Commissione ritiene che il programma EaSI sia complementare all’FSE per quanto riguarda il conseguimento dell’obiettivo della strategia Europa 2020 relativo all’occupazione e all’inclusione sociale attraverso l’innovazione sociale. La logica principale alla base della promozione dell’innovazione sociale attraverso l’FSE è simile all’approccio dei progetti EaSI, che consiste nella sperimentazione, nella valutazione e infine nella valorizzazione delle innovazioni.

Nel campo della mobilità dei lavoratori e dell’accesso ai mercati del lavoro esistono complementarietà con l’FSE. I progetti EaSI hanno un’impostazione transnazionale mentre le azioni dell’FSE sono realizzate nell’ambito di uno Stato membro in conformità con le norme nazionali. Le azioni dell’FSE sono incentrate sul sostegno ai singoli lavoratori a livello nazionale (fornitura di informazioni e servizi, misure attive per il mercato del lavoro), mentre il programma EaSI offre un sostegno orizzontale al funzionamento della rete europea di servizi per l’impiego (EURES) nel suo complesso. Il programma EaSI sostiene inoltre progetti che consentono di raggiungere determinati gruppi di destinatari in tutta l’Unione secondo le stesse regole, garantendo così parità di trattamento e una logica di programma (ovvero programmi di mobilità mirati, ad esempio a favore dei giovani lavoratori mobili, iniziativa "Your first EURES Job"). Pertanto i finanziamenti nel quadro del programma EaSI integrano, con i servizi specifici del programma, l’offerta più generale, a livello nazionale, di informazioni, assistenza e orientamento a favore dei lavoratori interessati alla mobilità.

Come dimostrano alcuni studi recenti, razionalizzare alcune regole all’interno dei fondi potrebbe contribuire a massimizzare il potenziale di tali complementarietà e sinergie tra il programma EaSI e l’FSE.

45

La Commissione riconosce che molti progetti CBP prevedono attività che sono ricorrenti in quanto intendono rispondere alle esigenze della popolazione destinataria tenendo conto delle sue modalità operative tradizionali. Tuttavia, al fine di incoraggiare anche l’innovazione nell’ambito della fornitura di servizi nelle regioni transfrontaliere, la Commissione ha inserito nell’invito a presentare proposte del 2016 una componente specifica che invita a presentare domande relative a nuove forme di attività in materia di cooperazione transfrontaliera / nuovi partenariati transfrontalieri. Nell’ambito di questa componente è stato selezionato un progetto.

46

La Commissione riconosce l’importanza di utilizzare un valore di partenza quantitativo e obiettivi quantitativi per misurare i progressi ed evidenzia che i suoi modelli per la presentazione delle proposte di progetto e la comunicazione dei risultati mirano a facilitare la trasmissione di questi dati.

47

La Commissione riconosce l’importanza del nesso tra realizzazioni e risultati ma constata anche la difficoltà incontrata dai beneficiari dei progetti nel trasmettere informazioni in merito a tali collegamenti entro il termine di un anno. Per tale ragione la Commissione sta valutando se non sia più opportuno concedere un periodo di attuazione più esteso per i progetti selezionati a seguito di inviti a presentare proposte in questo settore.

Risposta congiunta della Commissione ai paragrafi 49 e 50

Il sistema di monitoraggio attuale comprende gli indicatori di performance essenziali (Key Performance Indicators - KPI), che aiutano a monitorare i partenariati transfrontalieri a livello di programma.

L’ultima relazione di monitoraggio dei risultati del programma EaSI per il periodo 2015-20161 esamina la copertura dei partenariati transfrontalieri attraverso alcuni KPI. Nel 2018 sono previste una revisione e un’analisi critica dell’intero sistema dei KPI nel quadro del prossimo contratto per il monitoraggio dei risultati del programma EaSI.

Il modello standard della relazione finale sull’esecuzione tecnica contiene, nella parte quantitativa, una sezione relativa alle realizzazioni del sostegno, nella quale occorre inserire il numero delle azioni di informazione, consulenza o fornitura di servizi di collocamento e reclutamento. Questo è uno degli indicatori, che è specificamente correlato ai servizi solitamente erogati dai partenariati transfrontalieri. Vi è dunque una base chiara per la comunicazione uniforme dei dati nel corso del programma.

Inoltre, di norma, i coordinatori di progetto spiegano i rispettivi risultati in maggior dettaglio nella sezione qualitativa della relazione, nella quale forniscono un’indicazione e una spiegazione degli indicatori quantitativi raggiunti per partenariato transfrontaliero, ad esempio il numero dei collocamenti realizzati. Tali indicatori sono successivamente diffusi e comunicati attraverso relazioni di monitoraggio su progetti e organizzazioni finanziati dal programma EaSI che sono disponibili sul portale EUROPA (attualmente sono pubblicamente disponibili 7 volumi; il prossimo è in preparazione)2.

53

La Commissione rileva che la percentuale delle offerte di lavoro a livello nazionale pubblicate sul portale EURES dipende in larga misura dallo Stato membro. Tale percentuale è presentata ogni anno nel quadro di valutazione del mercato unico pubblicato dalla Commissione (cfr. http://ec.europa.eu/internal_market/scoreboard/).

Come indicato sopra, con la piena attuazione del regolamento (UE) 2016/589 si prevede un aumento di questa percentuale.

54

La Commissione conviene che in alcuni casi le percentuali potrebbero essere in diminuzione. La piena attuazione del regolamento (UE) 2016/589 dovrebbe risolvere tale problema.

55

Il meccanismo di "opt-out" a cui la Corte si riferisce esige espressamente che la richiesta sia "debitamente giustificata in base ai requisiti delle capacità e delle competenze connesse con il posto". Pertanto l’eccezione deve basarsi su motivazioni oggettive fornite dal singolo datore di lavoro e deve essere soggetta a controllo da parte del fornitore dei dati (SPI o altro soggetto). La Commissione provvederà a monitorare la corretta applicazione di tale disposizione.

56

La Commissione ammette che attualmente il livello di trasparenza dei dati sulle offerte di lavoro non rappresenta tutte le offerte di lavoro disponibili nel mercato del lavoro.

Uno degli obiettivi principali del nuovo regolamento EURES (regolamento (UE) 2016/589) è aumentare la trasparenza nello scambio di informazioni tra i vari membri e partner di EURES rendendo disponibili sul portale per l’impiego EURES tutte le offerte di lavoro rese pubblicamente disponibili dagli SPI e dagli altri membri e partner di EURES. L’atto di base ha introdotto un elenco comune ed esaustivo di eccezioni per quanto riguarda la condivisione, a livello dell’UE, delle offerte di lavoro che sono pubblicamente disponibili a livello nazionale. Si tratta di un netto miglioramento rispetto al passato quando, ad esempio, alcuni paesi non rendevano disponibili le offerte di lavoro relative a contratti di durata limitata (inferiore a sei mesi). Il regolamento, inoltre, non permette più di escludere i dati disponibili a livello regionale presso gli SPI, in quanto l’obbligo riguarda tutte le offerte di lavoro pubblicamente disponibili detenute dagli SPI.

Inoltre, i sistemi nazionali di ammissione, che gli Stati membri devono istituire entro maggio del 2018 in conformità del regolamento, dovrebbero cercare di far confluire nella rete altre organizzazioni, ad esempio servizi per l’impiego privati o del settore terziario. Tale approccio potrebbe rafforzare il partenariato pubblico-privato in materia di trasparenza dei mercati del lavoro nazionali e, quindi, del mercato del lavoro europeo.

Se correttamente attuate, tali misure dovrebbero aumentare nettamente il numero delle offerte di lavoro disponibili e risolvere nei prossimi anni il problema individuato.

È difficile stimare la quota di mercato totale (UE) ed è opportuno analizzare i diversi paesi e i vari fattori che determinano le quote di mercato. Confrontando i dati del portale EURES con il numero totale di offerte di lavoro nei vari paesi fornito da Eurostat, i servizi della Commissione hanno ottenuto risultati diversi (cfr. il quadro di valutazione del mercato unico).

La percentuale di offerte di lavoro disponibili nelle banche dati degli SPI dipende, tra l’altro, dalla missione dell’amministrazione degli SPI e dalla gestione della qualità che essi garantiscono.

La Commissione intende monitorare tale aspetto insieme agli Stati membri nel quadro del sistema di misurazione dei risultati di EURES, che sarà istituito nel 2018 in linea con l’articolo 9, paragrafo 2, lettera c), del regolamento.

Conclusioni e raccomandazioni

62

La Commissione ritiene possibile monitorare adeguatamente l’efficacia delle azioni finanziate nel quadro del programma EaSI per facilitare la mobilità dei lavoratori in generale.

La Commissione richiama l’attenzione sulle relazioni di monitoraggio pubblicate con riferimento ai progetti che rientrano nell’iniziativa "Your first EURES Job" nel quadro dell’asse EURES-EaSI e sulle azioni intraprese dalla Commissione per monitorare l’efficacia dei progetti EaSI in generale. La recente relazione di monitoraggio su progetti e organizzazioni finanziati dal programma EaSI (volume 73) comprende 15 progetti finanziati da EaSI-EURES e presenta un’ampia gamma di dati, ad esempio:

  • risultati dei progetti, impatti misurati, realizzazioni, lezioni apprese,
  • dimensione transnazionale, strategia di diffusione,
  • valore aggiunto europeo, misure di sostenibilità,
  • misure a favore della parità di genere,
  • informazioni relative a attività eseguite, coordinatori e partner di progetto, sito Internet.
63

I dati indicano un utilizzo piuttosto esteso degli strumenti esistenti, in particolare del portale della mobilità professionale EURES. Esistono sicuramente vari canali tramite i quali è possibile ricevere informazioni sulla mobilità lavorativa e segnalare eventuali ostacoli. La Commissione è del parere che uno "sportello unico" si rivelerebbe utile – e questa iniziativa è al centro della sua proposta concernente l’istituzione di un’autorità europea del lavoro, di prossima presentazione.

64

La Commissione sottolinea che la LFS è di grande utilità ai fini dell’analisi della mobilità dei lavoratori (e della migrazione) intra-UE. Il valore della LFS è riconosciuto in tutto il mondo dalla comunità accademica e dai ricercatori che si occupano di politiche e tale strumento è ampiamente utilizzato per rispondere a domande attinenti alla mobilità intra-UE, alla migrazione, ecc.

65

La Commissione ammette che è possibile sviluppare ulteriori sinergie e si adopera per migliorare i risultati dei suoi programmi e per renderli più trasparenti attraverso un migliore sistema di monitoraggio.

66

La Commissione ritiene necessario risolvere le carenze menzionate dalla Corte in questo paragrafo, nonché altre carenze (ad esempio la disponibilità di CV) affinché il portale EURES possa diventare un autentico strumento di collocamento europeo.

67. Raccomandazione 1 - Misurare la conoscenza, da parte dei cittadini dell’UE, degli strumenti esistenti destinati a fornire informazioni sulla libertà di circolazione dei lavoratori e a segnalare le discriminazioni

Le strategie e le attività di comunicazione contemplate da ciascuno strumento pertinente prevedono attività di sensibilizzazione dei cittadini e delle imprese dell’UE (compresa la popolazione destinataria). L’efficacia di tali attività sarà misurata anche attraverso il lavoro di valutazione (ex post).

(a) La Commissione accetta la raccomandazione e sottolinea che è già in corso l’adozione di misure volte, in particolare, a incentivare l’utilizzo del portale "La tua Europa" e a migliorare la consapevolezza di SOLVIT, come indicato nel piano d’azione adottato il 2 maggio 2017.

A tale riguardo, la Commissione adotta misure che migliorano la "reperibilità" di questi portali, compresa l’ottimizzazione dei motori di ricerca.

(b) La Commissione accetta la raccomandazione e sottolinea che è già in corso l’adozione di misure volte a incentivare l’utilizzo degli strumenti esistenti. Tuttavia le disposizioni relative alla promozione dello sportello digitale unico, che sarà istituito a breve e il cui regolamento è attualmente in fase di negoziazione al Parlamento europeo e al Consiglio, incideranno su tali misure.

Data obiettivo di attuazione: la data obiettivo di attuazione prevista dipende, tra l’altro, dai negoziati sul regolamento relativo allo sportello digitale unico, che sono attualmente in corso, e dall’iter attuativo di alcune delle iniziative contemplate dal piano d’azione SOLVIT.

Raccomandazione 2 - Sfruttare meglio le informazioni disponibili per individuare i tipi di discriminazione contro la libertà di circolazione

La Commissione accetta la raccomandazione.

L’attività della futura autorità europea del lavoro (ELA) (cfr. la risposta al paragrafo I) dovrebbe aiutare la Commissione a sfruttare maggiormente tali informazioni.

La data obiettivo di attuazione prevista (dicembre 2018) dipenderà anche dal completamento della procedura legislativa riguardante la proposta di regolamento che istituisce l’ELA.

Raccomandazione 3 – Migliorare la raccolta e l’utilizzo dei dati sui modelli e i flussi della mobilità dei lavoratori e sugli squilibri del mercato del lavoro

La Commissione rileva che la raccomandazione è parzialmente rivolta agli Stati membri.

Nella misura in cui la riguarda, la Commissione accetta la raccomandazione e sottolinea che è già in corso l’adozione di misure in tal senso.

Tale necessità è stata riconosciuta nella sua proposta di regolamento EURES presentata nel 2014. L’articolo 29 dell’atto di base adottato dal PE e dal Consiglio, ovvero il regolamento (UE) 2016/589, indica la necessità di monitorare e rendere pubblici i flussi e i modelli della mobilità lavorativa, mentre l’articolo 30 introduce l’obbligo per tutti gli Stati membri di fornire informazioni in merito alle carenze e alle eccedenze di manodopera sui mercati del lavoro nazionali e settoriali, prestando particolare attenzione ai gruppi più vulnerabili nel mercato del lavoro e alle regioni maggiormente colpite dalla disoccupazione; tali articoli apportano il miglioramento richiesto.

La Commissione sta collaborando con gli Stati membri per migliorare i dati disponibili nel quadro dell’indagine sulle forze di lavoro e con i servizi pubblici per l’impiego (SPI) per individuare il potenziale che la mobilità dei lavoratori possiede.

Migliorare la raccolta dei dati sulle carenze ed eccedenze di manodopera ha certamente lo scopo di consentire un utilizzo più diretto di tali dati nella programmazione delle attività di incrocio delle domande e offerte di lavoro e di reclutamento per EURES.

Raccomandazione 4 – Migliorare la concezione dei finanziamenti UE concernenti la mobilità dei lavoratori

La Commissione accetta la raccomandazione nel senso che intende esaminare come sia possibile migliorare, in generale, la concezione dei finanziamenti UE a favore della mobilità dei lavoratori nel quadro della preparazione del prossimo quadro finanziario pluriennale.

La Commissione sta preparando il prossimo quadro finanziario pluriennale e sta effettuando una serie di studi allo scopo di valutare la situazione per quanto riguarda l’FSE e il programma EaSI.

La Commissione è del parere che nel regime attuale la complementarietà sia adeguatamente garantita. Per il futuro (post 2020) la Commissione intende porre la complementarietà al centro delle sue proposte.

Raccomandazione 5 – Migliorare il monitoraggio dell’efficacia di EaSI- EURES, soprattutto per quanto riguarda i collocamenti

(a) La Commissione accetta la raccomandazione e continuerà ad adoperarsi per migliorare il monitoraggio di EURES, compresi i risultati dei progetti finanziati dal programma EaSI nel quadro dell’asse EURES.

La Commissione opererà in stretta collaborazione con i beneficiari dei progetti per migliorare la trasmissione dei dati a tale scopo nella fase di comunicazione sui progetti.

(b) La Commissione rileva che la raccomandazione è parzialmente rivolta agli Stati membri. Nella misura in cui la riguarda, la Commissione accetta la raccomandazione.

Nel 2016 la Commissione ha iniziato a preparare un sistema di misurazione dei risultati di EURES conformemente all’articolo 32 del regolamento (UE) 2016/589, in vigore dal 12 maggio 2016. Il riesame ha lo scopo di migliorare il sistema di comunicazione per EURES, in particolare per quanto riguarda i collocamenti. La Commissione intende adottare un atto di esecuzione concernente le specifiche dettagliate uniformi per la raccolta e l’analisi di dati al fine di monitorare e valutare il funzionamento della rete EURES. I requisiti di monitoraggio per i progetti EaSI finanziati nel quadro dell’asse EURES saranno allineati ai requisiti del sistema di misurazione dei risultati non appena quest’ultimo sarà istituito.

Raccomandazione 6 – Porre rimedio ai limiti del portale EURES della mobilità professionale

La Commissione rileva che la raccomandazione è rivolta agli Stati membri.

  1. La Commissione rileva che la raccomandazione è rivolta agli Stati membri.
  2. La Commissione rileva che la raccomandazione è rivolta agli Stati membri.

La Commissione continuerà ad adoperarsi per porre rimedio a tali limiti e intende accogliere i suggerimenti della Corte controllando in modo più rigoroso l’applicazione della disposizione relativa alla possibilità di "opt-out" per i datori di lavoro e sostenendo gli sforzi profusi dagli Stati membri per migliorare in generale, al loro livello, la qualità delle offerte di lavoro da pubblicare

Glossario e abbreviazioni

Associazione europea di libero scambio (EFTA): l’Associazione europea di libero scambio è l’organizzazione intergovernativa di Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera, istituita per promuovere il libero scambio e la cooperazione economica tra i suoi membri, all’interno dell’Europa e a livello mondiale.

Età lavorativa: l’età compresa fra 15 e 64 anni (secondo la categorizzazione usata da EUROSTAT); si noti che in pubblicazioni quali la relazione sulla mobilità dei lavoratori (Labour mobility report) la Commissione modifica tale categoria, riferendosi alla fascia d’età compresa tra 20 e 64 anni; nella presente relazione viene usata quest’ultima definizione.

Fondi strutturali e d’investimento europei (fondi SIE): oltre la metà dei finanziamenti dell’UE viene convogliata tramite i cinque fondi strutturali e d’investimento europei, che sono gestiti congiuntamente dalla Commissione europea e dagli Stati membri dell’UE. Obiettivo di tali fondi è investire nella creazione di posti di lavoro e in un’economia e un ambiente sani e sostenibili in Europa.

Fondo sociale europeo (FSE): il Fondo sociale europeo (FSE) è inteso a rafforzare la coesione economica e sociale all’interno dell’Unione europea migliorando le opportunità di impiego e di lavoro (soprattutto attraverso iniziative di formazione), nonché favorendo un elevato livello di occupazione e la creazione di nuovi e migliori posti di lavoro.

Gestione concorrente: metodo di esecuzione del bilancio dell’UE in cui la Commissione europea affida agli Stati membri compiti attuativi, pur mantenendo la responsabilità finale del bilancio.

Gestione diretta: modalità di esecuzione del bilancio dell’UE con l’azione diretta dei dipartimenti della Commissione.

Indagine sulle forze di lavoro (IFL): l’indagine campionaria dell’UE sulle famiglie europee, che fornisce dati trimestrali e annuali sulla partecipazione al mercato del lavoro delle persone di età pari o superiore a 15 anni.

La libertà di circolazione: e di soggiorno per i cittadini dell’UE è stata sancita dal trattato di Maastricht nel 1992. La graduale eliminazione delle frontiere interne ai sensi degli accordi di Schengen è stata seguita dall’adozione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio dell’UE. Tale libertà è distinta dalla libertà di circolazione dei lavoratori.

La tua Europa: sito web gestito dalla Commissione europea che fornisce informazioni, aiuto e consulenza sui diritti previsti dall’Unione europea per i cittadini e le imprese dell’UE (per esempio in materia di viaggi, lavoro, acquisti, opportunità di finanziamento, attività imprenditoriali e procedure).

Lavoratore frontaliero: qualsiasi cittadino dell’UE o dell’EFTA che lavori in un paese dell’UE o dell’EFTA diverso da quello in cui risiede.

Lavoratore: il termine comprende sia i cittadini occupati che quelli iscritti come disoccupati o persone in cerca di lavoro.

Lavoratori attivi: qualsiasi persona occupata o disoccupata (secondo la definizione dell’indagine UE sulle forze di lavoro).

Lavoratori mobili recenti: i lavoratori che vivono in un paese UE differente dal paese di cui hanno la cittadinanza da non più di dieci anni.

Lavoratori mobili: cittadini dell’UE-28 che si trasferiscono in un altro Stato membro o in un paese dell’EFTA diverso dal paese di cui hanno la cittadinanza per cercare lavoro o integrarsi nel mercato del lavoro per un lungo periodo o in maniera permanente.

Mobilità dei lavoratori (ML): il diritto, per tutti i cittadini dell’UE, alla libera circolazione dei lavoratori secondo la definizione dell’articolo 45 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea. Comprende i diritti di circolazione e di soggiorno per i lavoratori, i diritti d’ingresso e di soggiorno per i familiari e il diritto di lavorare in un altro Stato membro, con pari trattamento rispetto ai cittadini di quello Stato membro. In alcuni paesi si applicano restrizioni nei confronti dei cittadini dei nuovi Stati membri.

Mobilità del lavoro a lungo termine: allorché una persona si trasferisce per lavoro in un altro Stato membro per almeno un anno.

Mobilità di ritorno: il movimento migratorio dei cittadini dell’UE-28 che ritornano nel paese di cui hanno la cittadinanza da un altro Stato membro.

Obiettivo tematico (OT): obiettivo che dovrebbe ricevere il sostegno dei fondi strutturali e d’investimento europei. Gli obiettivi tematici stabiliscono un collegamento con gli obiettivi strategici a livello dell’UE.

Occupazione e innovazione sociale (EaSI): programma dell’UE il cui asse EURES sostiene attività che promuovono la mobilità geografica volontaria dei lavoratori su basi eque e in modo da promuovere un elevato livello di occupazione sostenibile e di qualità.

Partenariati transfrontalieri (CBP): raggruppamenti di membri e partner associati di EURES, che ricevono il sostegno finanziario del programma EaSI. Tali raggruppamenti sono impegnati nella cooperazione a lungo termine fra Stati membri, a sostegno della mobilità dei lavoratori frontalieri. Vi partecipano servizi per l’impiego regionali o locali, parti sociali e altre organizzazioni (quali camere di commercio, sindacati, università, autorità locali, ecc.) di almeno due Stati membri confinanti.

Periodo di programmazione: quadro pluriennale di pianificazione e attuazione della spesa a titolo dei fondi strutturali e del Fondo di coesione.

Programma operativo (PO): programma che individua le priorità e gli obiettivi specifici di uno Stato membro e descrive in che modo i finanziamenti (cofinanziamenti dell’UE e cofinanziamenti nazionali pubblici e privati) saranno utilizzati durante un dato periodo (generalmente di sette anni) per finanziare progetti. Questi progetti devono concorrere al conseguimento di un dato numero di obiettivi definiti a livello di Unione europea. I PO possono ricevere finanziamenti dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), dal Fondo di coesione e dall’FSE. Il PO è predisposto dallo Stato membro e deve essere approvato dalla Commissione prima che possano essere eseguiti i pagamenti a carico del bilancio dell’UE.

Realizzazione: qualcosa che viene prodotto o attuato con le risorse stanziate a favore di un intervento (ad esempio, corsi di formazione erogati a giovani disoccupati, numero di impianti di depurazione, chilometri di strade costruite, ecc.).

Rete europea di servizi per l’impiego (EURES): la rete europea delle organizzazioni del mercato del lavoro mira a promuovere la libertà di circolazione dei lavoratori all’interno dell’Unione. La rete è composta dall’Ufficio europeo di coordinamento (ECO), dagli uffici di coordinamento nazionali (UCN), dai partner di EURES e dai partner associati di EURES. Varata nel 1993, EURES scambia offerte e domande di lavoro e fornisce informazioni sulle condizioni di vita e di lavoro. Condivide tali informazioni tramite il portale europeo della mobilità professionale. Oltre ai 28 Stati membri dell’UE, partecipano a tale rete Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Svizzera. Complessivamente, nella rete operano oltre 850 consulenti EURES, che forniscono sostegno e consulenza.

Risultato: gli effetti immediati del programma sui destinatari (ad esempio tirocinanti che hanno trovato lavoro, riduzione degli inquinanti nelle acque reflue trattate, riduzione del tempo di percorrenza, ecc.).

Servizi pubblici per l’impiego (SPI): organizzazioni degli Stati membri il cui compito è attuare politiche attive del mercato del lavoro ed erogare servizi per l’impiego di qualità nell’interesse pubblico. Tali servizi possono fare capo a ministeri, enti pubblici o società di diritto pubblico.

SOLVIT: il sistema adottato dalla Commissione europea per consentire ai cittadini di presentare denunce contro decisioni amministrative degli Stati membri o norme inique.

Strategia Europa 2020: la strategia decennale per la crescita e l’occupazione avviata nel 2010 dall’Unione europea per creare le condizioni di una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

Tessera professionale europea (EPC): certificato elettronico emesso tramite la prima procedura completamente online estesa a tutta l’UE per il riconoscimento delle qualifiche.

UE-28: tutti i 28 Stati membri dell’UE.

Valore di partenza: i valori di partenza sono intesi stabilire un valore di riferimento rispetto al quale sono poi fissati e valutati i valori-obiettivo.

Note

1 Le altre tre libertà sono la libera circolazione delle merci, la libera circolazione dei capitali e la libera circolazione dei servizi. A differenza della libertà di circolazione dei lavoratori, i “lavoratori distaccati” sono lavoratori dipendenti, inviati da un datore di lavoro per svolgere un servizio temporaneo in un altro Stato membro. I lavoratori distaccati rientrano perciò nella libera circolazione dei servizi, aspetto che esula dal presente audit.

2 COM(2010) 2020 definitivo del 3.3.2010.

3 Articolo 162 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE).

4 Articolo 3 del regolamento (UE) n. 1304/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, relativo al Fondo sociale europeo (GU L 347 del 20.12.2013, pag. 470).

5 Il gruppo di esperti era formato da un ricercatore universitario specializzato nella mobilità dei lavoratori in Europa; un esperto sindacalista proveniente dalla Grande Regione attorno al Lussemburgo e un rappresentante del gruppo dei datori di lavoro in seno al Comitato economico e sociale europeo.

6 http://europa.eu/youreurope/index.htm.

7 https://ec.europa.eu/eures/public/it/homepage.

8 Study on Impact of Branding for EU services for Skills and Qualifications Final Report (Studio sull’impatto dei marchi per i servizi UE in materia di competenze e qualifiche), 17 marzo 2017.

9 Direttiva 2014/54/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, relativa alle misure intese ad agevolare l’esercizio dei diritti conferiti ai lavoratori nel quadro della libera circolazione dei lavoratori (GU L 128 del 30.4.2014, pag. 8).

10 COM(2013) 236 final del 26.4.2013 “Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle misure intese ad agevolare l’esercizio dei diritti conferiti ai lavoratori nel quadro della libera circolazione dei lavoratori”.

11 Le altre fonti comprendono i dati demografici di Eurostat, i dati Eurobarometer, i dati amministrativi, i dati OCSE e i dati nazionali.

12 Carenze individuate dalla Commissione, cfr. “Compendium of data sources on EU citizens residing/working in other EU Member States” (Compendio delle fonti di dati sui cittadini dell’UE che risiedono/lavorano in altri Stati membri dell’UE), dicembre 2016.

13 Regolamento (UE) 2016/589 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 aprile 2016, relativo a una rete europea di servizi per l’impiego (EURES), all’accesso dei lavoratori ai servizi di mobilità e a una maggiore integrazione dei mercati del lavoro e che modifica i regolamenti (UE) n. 492/2011 e (UE) n. 1296/2013 (GU L 107 del 22.4.2016, pag. 1).

14 Commissione europea, “A comparison of shortage and surplus occupations based on analyses of data from the European Public Employment Services and Labour Force Surveys” (Comparazione delle carenze ed eccedenze di manodopera, sulla base di analisi di dati tratti dai servizi pubblici per l’impiego europei e delle indagini sulle forze di lavoro), febbraio 2017.

15 Cfr. https://www.gov.uk/government/publications/tier-2-shortage-occupation-list.

16 Regolamento (UE) n. 1304/2013.

17 Commissione europea, “The analysis of the outcome of the negotiations concerning the Partnership Agreements and ESF Operational Programmes, for the programming period 2014-2020” (Analisi dell’esito dei negoziati sugli accordi di partenariato e sui programmi operativi dell’FSE per il periodo di programmazione 2014-2020), settembre 2016.

18 Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio (GU L 347 del 20 dicembre 2013, pag. 320).

19 Articolo 7 del regolamento (UE) n. 1296/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2013, relativo a un programma dell’Unione europea per l’occupazione e l’innovazione sociale (“EaSI”) e recante modifica della decisione n. 283/2010/UE che istituisce uno strumento europeo Progress di microfinanza per l’occupazione e l’inclusione sociale (GU L 347 del 20.12.2013, pag. 238).

20 I finanziamenti dei progetti CBP esaminati sono stati pari a 3,5 milioni di euro nel 2015 e a 4,4 milioni di euro nel 2016.

21 Nel 2016 i costi per lo sviluppo del portale per l’intermediazione tra offerte e domande di lavoro sono stati pari a 5 milioni di EUR.

22 Study on Impact of Branding for EU services for Skills and Qualifications Final Report (Studio sull’impatto dei marchi per i servizi UE in materia di competenze e qualifiche), 17 marzo 2017.

23 Articolo 32 del regolamento (UE) 2016/589..

 

1 http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=738&pubId=8041&furtherPubs=yes&langId=it

2 http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=738&langId=it&pubId=8047&furtherPubs=yes

3 http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=738&langId=it&pubId=8047&furtherPubs=yes.

Evento Data
Adozione del piano di indagine (APM) / Inizio dell’audit 26.10.2016
Trasmissione ufficiale del progetto di relazione alla Commissione (o ad altra entità sottoposta ad audit) 17.11.2017
Adozione della relazione finale dopo la procedura del contraddittorio 24.1.2018
Ricezione, in tutte le lingue, delle risposte ufficiali della Commissione (o di altra entità sottoposta ad audit) 6.2.2018

Le relazioni speciali della Corte dei conti europea illustrano le risultanze degli audit espletati su politiche e programmi dell’UE o su temi relativi alla gestione concernenti specifici settori di bilancio. La Corte seleziona e pianifica detti compiti di audit in modo da massimizzarne l’impatto, tenendo conto dei rischi per la performance o la conformità, del livello delle entrate o delle spese, dei futuri sviluppi e dell’interesse pubblico e politico.

Il presente controllo di gestione è stato espletato dalla Sezione di audit II – presieduta da Iliana Ivanova, Membro della Corte – specializzata nei settori di spesa riguardanti gli investimenti a favore della coesione, della crescita e dell’inclusione. L’audit è stato diretto da George Pufan, Membro della Corte.

Per contattare la Corte

CORTE DEI CONTI EUROPEA
12, rue Alcide De Gasperi
1615 Luxembourg
LUXEMBOURG

Tel. +352 4398-1
Modulo di contatto: eca.europa.eu/it/Pages/ContactForm.aspx
Sito Internet: eca.europa.eu
Twitter: @EUAuditors

Numerose altre informazioni sull’Unione europea sono disponibili su Internet consultando il portale Europa (http://europa.eu).

Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell’Unione europea, 2018

PDF ISBN 978-92-872-9317-6 ISSN 1977-5709 doi:10.2865/504103 QJ-AB-18-033-IT-N
HTML ISBN 978-92-872-9306-0 ISSN 1977-5709 doi:10.2865/994104 QJ-AB-18-033-IT-Q

© Unione europea, 2018

Per qualsiasi utilizzo o riproduzione di fotografie o di altro materiale i cui diritti d’autore non appartengano all’Unione europea, occorre chiedere l’autorizzazione direttamente al titolare di tali diritti.

PER CONTATTARE L’UE

Di persona
I centri di informazione Europe Direct sono centinaia, disseminati in tutta l’Unione europea. Potete trovare l’indirizzo del centro più vicino sul sito https://europa.eu/european-union/contact_it

Telefonicamente o per email
Europe Direct è un servizio che risponde alle vostre domande sull’Unione europea. Il servizio è contattabile:

PER INFORMARSI SULL’UE

Online
Il portale Europa contiene informazioni sull’Unione europea in tutte le lingue ufficiali: http://europa.eu

Pubblicazioni dell’UE
È possibile scaricare o ordinare pubblicazioni dell’UE gratuite e a pagamento dal sito EU Bookshop (http://publications.europa.eu/eubookshop). Le pubblicazioni gratuite possono essere richieste in più esemplari contattando Europe Direct o un centro di informazione locale (cfr. http://europa.eu/contact).

Legislazione dell’UE e documenti correlati
La banca dati EurLex contiene la totalità della legislazione UE dal 1951 in poi in tutte le versioni linguistiche ufficiali: http://eur-lex.europa.eu

Open Data dell’UE
Il portale Open Data dell’Unione europea (http://data.europa.eu/euodp) dà accesso a un’ampia serie di dati prodotti dall’Unione europea. I dati possono essere liberamente utilizzati e riutilizzati per fini commerciali e non commerciali.