Conclusioni dell'avvocato generale Alber del 21 febbraio 2002.