Conclusioni dell'avvocato generale Kokott del 16 dicembre 2010.