Conclusioni dell'avvocato generale Sir Gordon Slynn del 20 gennaio 1982.